lunedì, Ottobre 18, 2021

Storica sentenza Cassazione: i morti di amianto avranno giustizia

Storica sentenza della Corte di Cassazione, Sezione III Penale che ha annullato la sentenza di assoluzione per 5 dirigenti della Montefibre di Verbania-Pallanza, imputati per la morte e lesioni personali di 27 lavoratori in uno stabilimento in cui nel 2015 c’erano ancora ben 800 tonnellate di amianto.

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Forse ci sarà giustizia finalmente per i lavoratori morti per l’amianto respirato alla Montefibre di Verbania Pallanza, grazie alla sentenza della Cassazione, III Sezione Penale, presieduta dal dott. Vito Di Nicola, che ieri, a tarda notte, ha annullato la sentenza della Corte d’Appello di Torino, che in sede di rinvio aveva mandato assolti gli imputati, ex dirigenti dell’azienda chiusa nel 1983

“Si tratta di una grandissima e storica vittoria” ha dichiarato Laura Mara del Foro di Busto Arsizio, avvocata delle due uniche parti civili ricorrenti, Medicina Democratica, Movimento di Lotta per la Salute ed AIEA, Associazione Italiana Esposti Amianto. 

“Ora, (per la terza volta) si celebrerà’ un nuovo processo per i lavoratori deceduti della Montefibre e sarà una nuova sezione della Corte d’Appello di Torino, che dovrà rifare il processo e che – con evidenza – dovrà rispettare il rinvio vincolato della sentenza della Corte di Cassazione, che eggeremo non appena usciranno le motivazioni”.

Leggi anche: Green, Milano raggiunge l’obiettivo: 100mila alberi piantati in un anno

Amianto, si ritorna in tribunale per le accuse di omicidio colposo e lesioni personali gravissime

Dovranno quindi “tornare” in Tribunale i cinque anziani ex manager della Montefibre (L.C, G. M, G.P, B.Q e C. V) per rispondere di omicidio colposo e lesioni personali gravissime per le morti/malattie dovute a mesotelioma, carcinoma polmonare e asbestosi dei lavoratori. Nello stabilimento di Verbania-Pallanza si producevano fibre poliammidiche, in particolare il Nylon 6,6 e l’amianto era presente come materiale di coibentazione nei macchinari della lavorazione del Nylon, i cui componenti potevano raggiungere temperature molto alte.

Leggi anche: Incidente Zanardi, parlano le perizie. Di chi è la colpa?

800 tonnellate di amianto nell’insediamento industriale verbanese

Le ultime bonifiche effettuate nel 2015 evidenziavano ancora una presenza di ben 800 tonnellate di Amianto presso il citato insediamento industriale verbanese! Ha dichiarato Fulvio Aurora, responsabile delle vertenze giudiziarie di medicina democratica e AIEA:


Con questa sentenza della III Sezione Penale della Cassazione, che non è la prima nel suo genere-confidiamo che si apra una pagina nuova per il riconoscimento sia delle responsabilità di chi non ha tutelato, a suo tempo, la salute dei lavoratori, sia del nesso di causalità tra l’amianto presente in quella, come in tante altre aziende simili, e l’insorgenza di patologie gravissime e mortali come il mesotelioma.

Seguiamo questi processi come parti civili dal 2004, e ne stiamo seguendo una quarantina in varie parti del Paese: troppe volte abbiamo assistito all’affermarsi di teorie “negazioniste, per cui molti processi si sono risolti con l’assoluzione o con la prescrizione dei reati contestati, anche grazie alla durata infinita e alla cavillosità dei procedimenti giudiziari.

Chi si è
ammalato e ha perso la vita per il lavoro merita giustizia.

di Mary Tagliazucchi

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Ultime notizie