sabato, Ottobre 31, 2020

Storica sentenza Cassazione: i morti di amianto avranno giustizia

Storica sentenza della Corte di Cassazione, Sezione III Penale che ha annullato la sentenza di assoluzione per 5 dirigenti della Montefibre di Verbania-Pallanza, imputati per la morte e lesioni personali di 27 lavoratori in uno stabilimento in cui nel 2015 c’erano ancora ben 800 tonnellate di amianto.

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Forse ci sarà giustizia finalmente per i lavoratori morti per l’amianto respirato alla Montefibre di Verbania Pallanza, grazie alla sentenza della Cassazione, III Sezione Penale, presieduta dal dott. Vito Di Nicola, che ieri, a tarda notte, ha annullato la sentenza della Corte d’Appello di Torino, che in sede di rinvio aveva mandato assolti gli imputati, ex dirigenti dell’azienda chiusa nel 1983

“Si tratta di una grandissima e storica vittoria” ha dichiarato Laura Mara del Foro di Busto Arsizio, avvocata delle due uniche parti civili ricorrenti, Medicina Democratica, Movimento di Lotta per la Salute ed AIEA, Associazione Italiana Esposti Amianto. 

“Ora, (per la terza volta) si celebrerà’ un nuovo processo per i lavoratori deceduti della Montefibre e sarà una nuova sezione della Corte d’Appello di Torino, che dovrà rifare il processo e che – con evidenza – dovrà rispettare il rinvio vincolato della sentenza della Corte di Cassazione, che eggeremo non appena usciranno le motivazioni”.

Leggi anche: Green, Milano raggiunge l’obiettivo: 100mila alberi piantati in un anno

Amianto, si ritorna in tribunale per le accuse di omicidio colposo e lesioni personali gravissime

Dovranno quindi “tornare” in Tribunale i cinque anziani ex manager della Montefibre (L.C, G. M, G.P, B.Q e C. V) per rispondere di omicidio colposo e lesioni personali gravissime per le morti/malattie dovute a mesotelioma, carcinoma polmonare e asbestosi dei lavoratori. Nello stabilimento di Verbania-Pallanza si producevano fibre poliammidiche, in particolare il Nylon 6,6 e l’amianto era presente come materiale di coibentazione nei macchinari della lavorazione del Nylon, i cui componenti potevano raggiungere temperature molto alte.

Leggi anche: Incidente Zanardi, parlano le perizie. Di chi è la colpa?

800 tonnellate di amianto nell’insediamento industriale verbanese

Teads

Le ultime bonifiche effettuate nel 2015 evidenziavano ancora una presenza di ben 800 tonnellate di Amianto presso il citato insediamento industriale verbanese! Ha dichiarato Fulvio Aurora, responsabile delle vertenze giudiziarie di medicina democratica e AIEA:


Con questa sentenza della III Sezione Penale della Cassazione, che non è la prima nel suo genere-confidiamo che si apra una pagina nuova per il riconoscimento sia delle responsabilità di chi non ha tutelato, a suo tempo, la salute dei lavoratori, sia del nesso di causalità tra l’amianto presente in quella, come in tante altre aziende simili, e l’insorgenza di patologie gravissime e mortali come il mesotelioma.

Seguiamo questi processi come parti civili dal 2004, e ne stiamo seguendo una quarantina in varie parti del Paese: troppe volte abbiamo assistito all’affermarsi di teorie “negazioniste, per cui molti processi si sono risolti con l’assoluzione o con la prescrizione dei reati contestati, anche grazie alla durata infinita e alla cavillosità dei procedimenti giudiziari.

Chi si è
ammalato e ha perso la vita per il lavoro merita giustizia.

di Mary Tagliazucchi

Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi
Mary Tagliazucchi, giornalista e fotoreporter si occupa di inchieste, reportage in giro per il mondo, cronaca e attualità. Il suo vizio? Guardare oltre, sempre.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Beatrice Venezi, new entry nella squadra sanremese di Amadeus

Un altro importante riconoscimento per Beatrice Venezi: farà parte della giuria delle...

Bioedilizia e costruzioni sostenibili, quando anche l’abitare diventa green

La bioedilizia si innesta su quel filone green che guarda a un futuro di crescita e sviluppo al passo con la tutela ambientale, che vuole rimettere al centro il paesaggio naturale, rendendolo protagonista della sua evoluzione.

Halloween ai tempi del Covid, a rischio dolcetto o scherzetto

Dolcetto o scherzetto? La tradizione della festa di Halloween la notte del 31...

Il terrorismo è tornato, Al Qaeda spietata contro la cristianità

Non bastava il Covid, Al Qaeda torna a terrorizzare

Diego Armando Maradona compie 60 anni: auguri Pibe de Oro, icona del calcio mondiale

“Mi sueño… mi sueño es jugar en el Mundial. Y ganarlo…”, diceva...