sabato, Maggio 21, 2022

Perché il cardinale Joseph Zen Ze-kiun è stato arrestato e poi rilasciato a Hong Kong

Il cardinale Joseph Zen Ze-kiun è stato arrestato e poi rilasciato a Hong Kong. Si tratta di una figura osteggiata da sempre dal governo cinese per il suo attivismo.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Il cardinale di Hong kong, Joseph Zen Ze-kiun, è stato dapprima arrestato è poi rilasciato su cauzione “per la sicurezza nazionale”, come riporta il South China Morning Post. L’accusa del governo di Pechino è di collusione con le forze straniere, uno dei reati che, in base alla legge imposta da Pechino all’ex colonia nel 2020, porta a pene severissime come l’ergastolo.

Il cardinale non è in buoni rapporti con la Cina per le critiche al controllo del partito Comunista verso le comunità religiose e per essere difensore dei diritti civili. Già a gennaio era stato accusato di aver incoraggiato nel 2019 alcuni studenti a ribellarsi ad alcune misure prese da Pechino.

Joseph Zen Ze-kiun è noto per il suo attivismo sociale e la difesa dei movimenti sociali e ha sostenuto pubblicamente i valori democratici fino all’introduzione della legge sulla sicurezza.

Cardinale Joseph Zen Ze-kiun: di cosa è accusato

Joseph Zen Ze-kiun_arrestato a Hong Kong

Joseph Zen Ze-kiun è un salesiano oggi 90enne. Dal 2002 al 2009 è stato vescovo mentre ha ottenuto la nomina di cardinale nel 2006. Si tratta di una figura molto importante, sia come giuda spirituale di Hong Kong e sia a livello politico, per il partito democratico.

L’accusa nei suoi confronti, oltre che di collusione con le forze straniere, è in relazione al suo ruolo di amministratore del 612 Humanitarian Relief Fund, un fondo a sostegno dei manifestanti pro-democrazia, nelle spese legali e sanitarie che questi devono affrontare.

L’organizzazione di cui il cardinale è stato amministratore, è stata istituita nel 2019 e sciolta lo scorso anno. Oltre a Zen sono stati arrestati, e poi rilasciati su cauzione, altri tre promotori del fondo: Margaret Ng, avvocatessa ed ex deputato dell’opposizione, la cantautrice Denise Ho e l’accademico Hui Po-keung.

Arresto di Joseph Zen Ze-kiun: le reazioni di Human Right Watch e Vaticano

Human Rights Watch, l’organizzazione che si occupa della difesa dei diritti umani, ha così commentato l’arresto del cardinale:

L’arresto di un cardinale di 90 anni per le sue attività pacifiche è un altro episodio scioccante per Hong Kong, che mostra bene la caduta libera della città per quanto riguarda i diritti umani negli ultimi due anni.

Anche la Santa Sede è preoccupata, dopo aver appreso la notizia dell’arresto del cardinale Zen, e sta seguendo con attenzione l’evolversi della vicenda, da come fa sapere il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni.

Leggi anche: Scossa in Vaticano, Papa Bergoglio: “Cardinali e vescovi saranno giudicati da tribunali ordinari”

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie