giovedì, Dicembre 1, 2022

Addio a Bruno Arena, chi era il comico dei Fichi d’India scomparso a 65 anni

Bruno Arena è scomparso all'età di 65 anni. Ripercorriamo la sua storia e la sua carriera, da animatore turistico all'incontro con il collega Max Cavallari.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Bruno Arena del duo Fichi d’India è venuto a mancare all’età di 65 anni. Il comico era stato colpito da un grave aneurisma nel 2013, durante la registrazione di una puntata di Zelig.

Seppur a fatica e dopo mesi trascorsi in ospedale aveva recuperato diverse funzionalità, anche se l’ictus gli ha lasciato segni del suo passaggio, compromettendo le sue capacità motorie.

Il primo a dare l’annuncio sui social è stato Paolo Belli tramite un tweet. La notizia è stata data anche dal figlio Gianluca, pure lui attore, su Instagram:

Non ero pronto, ma tanto non lo sarei mai stato. Buon viaggio papà… lasci un vuoto immenso.

Bruno Arena e la gavetta da comico

Bruno Arena_Fichi dIndia

Bruno Arena viveva a Milano ma era originario di Messina. Dopo il diploma presso il liceo artistico si era laureato all’Isef diventando professore di educazione fisica.

Aveva iniziato a lavorare come animatore turistico nel 1983 a 26 anni fino all’incontro con Cavallari, con cui fonda nel 1988 I fichi d’India. Pare che la scelta del nome sia avvenuta perché si trovavano in un luogo, sul mare in Campania, pieno di fichi d’India.

Il successo nazionale è arrivato prima su Radio Deejay con Marco Baldini e poi con La sai l’ultima su Canale 5. Ma la grande consacrazione al pubblico è giunta con le trasmissioni Zelig e Colorado. Da allora iniziano ad essere ospitati in varie trasmissioni televisive, oltre a lavorare nei teatri e al cinema. Tra i film in cui ha preso parte ricordiamo: Natale sul Nilo, Natale in India, Matrimonio alle Bahamas con Massimo Boldi e Christian De Sica e Pinocchio di Roberto Benigni.

Tutto procede alla grande, fino al ritiro dalle scene di Bruno nel 2013, a causa del grave aneurisma che lo ha colpito e dal quale non si è più del tutto ripreso. Lo scorso inverno il collega del duo, Max Cavallari, aveva pubblicato una foto che lo ritraeva insieme a Bruno Arena, apparso in quell’occasione su una sedia a rotelle.

Bruno Arena, i saluti commossi sui social

Tanti i messaggi degli spettatori sui social, che ringraziano per il sorriso e la leggerezza che il comico Bruno Arena ha portato nelle loro vite, citando i vari tormentoni del duo.

Non poteva mancare il saluto dell’amico, compagno di avventure e collega nel duo dei Fichi d’India, Max Cavallari, il quale ha scritto su Facebook un post molto sentito nei riguardi dell’amico scomparso:

Hai preso la valigia delle parrucche?… adesso farai ridere i grandi lassù…. È solo un arrivederci. Ti amerò per sempre.

Un saluto commosso è arrivato anche da parte di Luciana Littizzetto, con “Ciao amico ahrarara“, in riferimento al suo tormentone insieme al collega Cavallari. Barbara d’Urso invece ha salutato il collega via Twitter: “Ciao Bruno, sei stato un caro amico e ci hai fatto divertire tutti, con la tua straordinaria ironia. Gli artisti non muoiono mai”. Come pure Simona Ventura: “Bruno, ho vissuto con te e Max Cavallari tutti i vostri e i nostri inizi, dal mio matrimonio fino al successo di Zelig. E poi, e poi… fai buon viaggio amico mio! Riposa in pace”.

Leggi anche: Chi è Rosario Marrone, il papà di Emma morto a soli 66 anni

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie