domenica, Gennaio 16, 2022

Morto il boss Salvatore Di Gangi, travolto da un treno merci: era un fedelissimo di Riina

Il capo mafioso di Sciacca era in custodia cautelare nel carcere di Asti. Era stato scarcerato venerdì per problemi di salute, era uno dei fedelissimi di Totò Riina

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Salvatore Di Gangi è stato considerato a lungo il boss mafioso di Sciacca, nella provincia di Agrigento in Sicilia. Durante il periodo dei corleonesi era uno dei fedelissimi del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina

Travolto sui binari Salvatore Di Gangi: era sceso da un altro treno poco prima perché sprovvisto di Green Pass

Travolto sui binari Salvatore Di Gangi: era sceso da un altro treno poco prima perché sprovvisto di Green Pass

Salvatore Di Gangi, 79 anni, è morto investito da un treno merci a Genova, mentre camminava su un binario ferroviario nella galleria che collega le stazioni di Principe e Brignole. Poco prima il 79enne sarebbe stato fatto scendere dal treno alla stazione di Genova Piazza Principe perché senza Green pass.

Il cadavere è stato ritrovato sabato, intorno all’ora di cena. La dinamica della morte però resta ancora poco chiara, per questo Direzione distrettuale antimafia (DDA) di Genova ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di omicidio colposo.

Alle indagini prendono parte anche la Squadra Mobile del capoluogo ligure insieme alla Polfer (Polizia ferroviaria). L’intento principale è quello ricostruire gli ultimi spostamenti di Salvatore Di Gangi, per capire cosa è accaduto dall’uscita dal carcere fino all’arrivo alla stazione Genova. Il pubblico ministero Federico Manotti ha disposto anche l’autopsia. Di Gangi aveva in tasca un biglietto ferroviario per una città del Sud, stava rientrando in Sicilia.

Si fa largo l’ipotesi che Salvatore Di Gangi sia caduto su uno dei binari perché colto da malore.

L’anziano, che era in custodia cautelare ad Asti, doveva scontare una condanna a 17 anni per mafia, inflitta con il rito abbreviato, alla fine del processo ‘Montagna’. Ma venerdì la corte d’Appello di Palermo ha deciso di scarcerarlo sulla base di una perizia che ne attestava problemi di salute. L’incidente è avvenuto sabato sera, 27 novembre.


Secondo gli investigatori antimafia, Di Gangi era stato dipendente bancario, poi costruttore edile. Dagli inizi degli anni Novanta, il suo nome è presente in diverse inchieste giudiziarie che riguardavano l’area di Sciacca, comune portuale dell’Agrigentino, dove pare stesse tornando. Nelle tasche sarebbe stato ritrovato, secondo la ricostruzione fatta da il Secolo XIX, un biglietto ferroviario per Roma Ostiense. Da qui si sarebbe diretto in Sicilia.

Leggi anche: La Cassazione conferma il sequestro: i beni di Totò Riina passano allo Stato

Non perderti nemmeno un'articolo Seguici su Google News
Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie