lunedì, Settembre 27, 2021

“Effetto Green Pass” in Italia, boom di prenotazioni al vaccino: “Un assalto alla diligenza”

Boom di prenotazioni al vaccino in tutta Italia dopo il discorso del Premier Draghi sull'obbligatorietà del Green Pass per poter svolgere alcune attività. Ecco i numeri.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Boom di prenotazioni al vaccino. Ieri il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha confermato in conferenza stampa l’obbligatorietà del Green Pass (dal 6 agosto) per poter compiere una serie di attività, come andare al bar, al ristorante al chiuso, allo stadio, accedere a cinema, teatri, piscine, palestre, centri termali e musei o partecipare a concerti, fiere, congressi e concorsi. Da quel momento, in Italia (come era accaduto anche in Francia dopo le restrizioni del Presidente Macron) si è assistito a un boom di prenotazioni per il vaccino anti-Covid.

Tale tendenza è stata riscontrata nella maggior parte delle Regioni italiane, col Presidente del Veneto Luca Zaia che ha commentato “Per vaccinarsi, dalle telefonate ricevute dai call center, registriamo un assalto alla diligenza”. E i dati dicono proprio questo, specie in Regioni come Lombardia, Lazio, Veneto, Piemonte, Abruzzo e Campania. Ecco i numeri.

Boom di prenotazioni al vaccino: la situazione delle Regioni del Nord Italia

In Lombardia l’adesione alla campagna vaccinale è cresciuta esponenzialmente: ieri circa 49.000 cittadini si sono prenotati per il siero anti-Covid sul portale Poste Italiane e Regione. Circa 30mila in più rispetto alle prenotazioni del giorno prima, che si erano fermate a 28mila. Letizia Moratti, assessora al Welfare, ha scritto si Twitter che “per venire incontro a queste nuove richieste saranno disponibili ulteriori 100mila nuovi posti per prime dosi”. In Emilia Romagna, anche solo con l’annuncio della certificazione verde obbligatoria, “è stato già ottimo l’effetto green pass“. Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Bologna Virginio Merola, sottolineando che “la notizia più importante di questa settimana è l’aumento di chi si prenota per la vaccinazione e il fatto che siano soprattutto persone giovani“. L’Ausl di Bologna “conta almeno 3.500 Prenotazioni nella giornata di ieri“, ha segnalato il primo cittadino.

L’effetto Green Pass si fa sentire anche in Piemonte, dove il governatore Alberto Cirio ha comunicato che “le prenotazioni per le vaccinazioni contro il Covid-19 sono raddoppiate”, con circa 10mila nuove adesioni alle 18 di ieri, mentre attorno alle 20 tale tendenza è addirittura raddoppiata e la giornata si è chiusa con 19mila nuove adesioni. Stesso discorso in Veneto, dove le prenotazioni sono impennate: “le forniture restano costanti” ha promesso il governatore Luca Zaia.

Ieri sera in Liguria si sono registrate cinquemila nuove prenotazioni in due ore, come affermato dal presidente di Regione Giovanni Toti, che poi si è espresso sulle discoteche denunciando il fatto che siano ancora le uniche a rimanere chiuse: “Bisogna tutelare la libertà per chi è vaccinato di continuare la propria vita”, ha commentato. In Toscana le richieste crescono ormai da una settimana: si sono registrate 40mila prenotazioni in più rispetto a quelle della settimana precedente. Andrea Belardinelli, responsabile Sanità digitale e innovazione della Regione Toscana, ha detto: “dalla calma piatta registrata alla riapertura del portale il 10 luglio scorso, siamo passati a un netto aumento delle prenotazioni”.

Boom di prenotazioni al vaccino: la situazione nelle Regioni centrali

Boom di prenotazioni al vaccino: la situazione nelle Regioni centrali

Nel Lazio, l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato si è espresso sul boom di richieste e ha detto: “Alle ore 17 sono state 55mila le nuove prenotazioni dalla conferenza stampa del Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi di ieri sera sul Green Pass. Un risultato incoraggiante che spinge la campagna vaccinale del Lazio con una proiezione a regime di copertura con i nuovi prenotati di oltre l’80%. Confermo l’obiettivo di immunizzare con doppia dose il 70% della popolazione vaccinabile entro l’8 agosto“.

Impennata di prenotazioni anche in Abruzzo: questa mattina le richieste erano già oltre le 1600, ieri ci sono state 800 prenotazioni in più rispetto al giorno prima.

Boom di prenotazioni al vaccino: le Regioni del sud che ne hanno ricevute di più

Boom di prenotazioni al vaccino: le Regioni del sud che ne hanno ricevute di più

Anche in Campania la tendenza è in crescita: la media di 4-5000 adesioni al giorno delle ultime settimane ha vissuto un nuovo boom di prenotazioni. Ieri la giornata si è conclusa con circa 10mila nuove adesioni, mentre oggi attorno alle 15 e 30 c’erano già 8.000 nuovi prenotati.

In Puglia, tutte le Asl hanno registrato un incremento delle prenotazioni di vaccini anti-Covid, come testimoniato dall’assessore alla Sanità della Regione Puglia Pierluigi Lopalco. La crescita delle richieste di immunizzazione, ancora da conteggiare in maniera definitiva, si attesterebbe attorno al +10%.

Leggi anche: Covid-19, forte aumento di Rt e incidenza: “I no vax non vanno capiti, sono come evasori fiscali”

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie