giovedì, Giugno 30, 2022

Bonus condizionatori: a chi spetta, come funziona e come farne richiesta

Tra le diverse agevolazioni previste dal Governo non poteva mancare il bonus condizionatori. Vediamo quali sono requisiti e modi in cui è possibile ottenerlo.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Il bonus condizionatori 2022 è rivolto a chi, entro il 31 dicembre 2022, intende acquistare un condizionatore nuovo o sostituire quello vecchio con uno a risparmio energetico.

L’agevolazione rientra nel bonus mobili ed elettrodomestici e anche nel bonus ristrutturazioni e prevede uno sgravio fiscale dal 50 al 65%.

Nella prima tipologia di sconto l’acquisto del climatizzatore, almeno di classe A+ deve essere abbinato alla ristrutturazione e non può superare il tetto massimo di spesa di 16.000 euro mentre nel secondo caso la detrazione è prevista per coloro che acquisteranno un nuovo condizionatore o pompa di calore ad alta efficienza energetica, con un importo massimo di spesa pari a 46.154, detraibile in 10 quote annuali.

Bonus condizionatori: come funziona e quali sono i requisiti

bonus condizionatori_

La detrazione prevista nel bonus condizionatori, prevista nella Legge di Bilancio 2021 e prorogata nella Legge di Bilancio 2022, rientra nell’ambito della ristrutturazione edilizia, e di conseguenza nel bonus ristrutturazioni.

In caso si decida di non svolgere lavori di ristrutturazione l’agevolazione fiscale per l’acquisto di un condizionatore rientra in altre due tipologie: il bonus mobili ed elettrodomestici, che prevede una detrazione al 50%, e l’Ecobonus per il risparmio energetico, con una detrazione al 65%.

La detrazione può essere applicata per l’acquisto dei seguenti impianti: deumidificatore, climatizzatore a basso consumo energetico e termopompa o pompa di calore. Inoltre per beneficiare del bonus è necessaria la tracciabilità del pagamento e che lo stabile sia a norma di legge.

Bonus condizionatori: chi ne può usufruire

Il bonus condizionatori spetta ai detentori di un immobile, sia esse persone fisiche o aziende, e nello specifico:

  • persone fisiche
  • società di persone
  • società di capitali
  • associazioni professionisti
  • enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale
  • esercenti arti e professioni
  • condomini
  • Istituti autonomi per le case popolari
  • cooperative di abitazione

Inoltre il bonus spetta, non solo ai proprietari degli immobili, ma anche ai detentori dei diritti reali di godimento degli immobili, come ad esempio i locatori o gli usufruttuari. Possono godere della detrazione anche i coniugi separati, conviventi, o componenti dell’unione civile, se sono loro a sostenere le spese.

Bonus condizionatori: come richiederlo

Il bonus condizionatori può essere richiesto in tre diversi modi:

  • in fase di dichiarazione del redditi, tramite la compilazione del modello 730. L’importo si divide in dieci quote annuali e quindi si recupera in 10 anni
  • con sconto in fattura, per cui è richiesto il pagamento tramite bonifico bancario o postale
  • con Ecobonus, la detrazione si può cedere ai soggetti come banche, poste o intermediari finanziari

In caso si volesse usufruire del Superbonus 110%, la cui agevolazione è prevista solo in caso di acquisto di condizionatori inserito nei lavori di efficientamento energetico, si può ottenere l’agevolazione seguendo l’iter previsto da questa misura.

Leggi anche: Bonus 200 euro, come verrà erogato: le novità categoria per categoria

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie