martedì, Gennaio 26, 2021

Bocelli negazionista Covid: “Offeso dalla privazione della libertà, ho trasgredito le regole”

Il tenore, invitato al convegno che ha ospitato i negazionisti del Covid in Senato: “Bisogna riaprire le scuole e riprendere i libri. Rifiutiamoci di seguire questa regola. Prendiamo dei libri, giriamo, conosciamoci, parliamo, dialoghiamo”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Oggi, durante il suo intervento al convegno che ha ospitato i negazionisti del Covid in Senato, Andrea Bocelli ha ricordato i momenti più difficili durante il suo isolamento forzato. Il tenore, ospite dell’incontro “Covid-19 in Italia, tra informazione scienza e diritti”, organizzato dall’onorevole Vittorio Sgarbi, ha esordito dichiarandosi lontano dalla politica. Ma il lockdown, racconta, è stato per lui un evento traumatico. E ricorda:

Quando siamo entrati in pieno lockdown ho anche cercato di immedesimarmi in chi doveva prendere decisioni così delicate. Poi ho cercato di analizzare la realtà e mi sono reso conto che le cose non erano così come ci venivano raccontate.

Bocelli su Covid: “I divieti non mi sembravano né giusti né salutari”

Bocelli sulla Covid
Il tenore Andrea Bocelli, dopo aver contratto il virus, ha donato il plasma per aiutare la ricerca.

Andrea Bocelli ha scoperto di essere stato contagiato dal Covid il 10 marzo scorso, dopo aver eseguito il tampone. L’artista, in quell’occasione, ha raccontato di non aver avuto particolari problemi. Una leggera febbre, ma in pratica è stato un asintomatico. Insieme a lui risultarono contagiati anche la moglie e i due figli. Nonostante ciò, durante il convegno in Senato, Bocelli sulla Covid ha detto:

Io conosco un sacco di gente, ma non ho mai conosciuto nessuno che fosse andato in terapia intensiva, quindi mi sono chiesto perché questa gravità? C’è stato un momento in cui mi sono sentito umiliato e offeso per la privazione della libertà di uscire di casa senza aver commesso un crimine. E devo confessare pubblicamente di aver disobbedito a questo divieto che non mi sembrava né giusto né salutare. Ho una certa età e ho bisogno di sole e vitamina D.

Leggi anche: La solitudine, quel bene condiviso che è patrimonio di tutti

Bocelli, ecco cosa ha detto sul ritorno a scuola

Andrea Bocelli in chiusura del suo intervento, oltre a commentare le scelte di governo sulla chiusura delle scuole, ha rivolto un appello per la formazione di un “fronte trasversale”. Ha detto:

Io ho una figlia di otto anni e non posso pensare che i ragazzi si debbano trovare a scuola divisi da un plexiglas o nascosti da una mascherina. Con una celerità incredibile si è pensato a chiudere le scuole, e con la stessa celerità si è pensato di riaprire le discoteche dove i ragazzi non vanno certo a formarsi, ma a disperdere i propri cervelli.

Approfitto di questo microfono per dire: Rifiutiamoci di seguire questa regola. Prendiamo dei libri, giriamo, conosciamoci, parliamo, dialoghiamo. Questa battaglia si può vincere soltanto se creiamo un fronte trasversale fatto da persone di buon senso che sappiano guardare al di là dei propri interessi.

Leggi anche: Discoteche e fiere, ancora sotto scacco: aperture rinviate

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.