sabato, Maggio 21, 2022

Chi è l’ambasciatore italiano Zazo: ha salvato dalle bombe 20 bambini, tra cui 6 neonati

L'ambasciatore Pier Francesco Zazo, nel contesto del trasferimento dell'ambasciata a Leopoli, è riuscito a portare in salvo circa 20 minori, tra cui 6 neonati.

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ambasciatore italiano Zazo salva bambini. La situazione precaria della sicurezza a Kiev e la conseguente impossibilità di garantire una piena funzionalità, ha portato l’Italia, come comunicato dalla Farnesina, a trasferire l’ambasciata da Kiev a Leopoli. L’ambasciatore Pier Francesco Zazo, nel contesto di tale trasferimento, è riuscito a portare in salvo circa 20 minori, tra cui 6 neonati, che aveva accolto in ambasciata in questi giorni perché privi di un posto sicuro dove stare.

Il Premier Mario Draghi si è congratulato con il diplomatico italiano per i gesto. Ha detto: “Voglio ringraziare l’ambasciatore in Ucraina, Pier Francesco Zazo, il personale dell’ambasciata per lo spirito di servizio, la dedizione e il coraggio. L’unità di crisi mantiene regolari contatti con i nostri connazionali in Ucraina e con i familiari in Italia”. Plauso anche dal sottosegretario, Enzo Amendola.

Ambasciatore italiano Zazo salva bambini: la testimonianza di un italiano rientrato da Kiev

L’ambasciatore italiano Zazo salva bambini: è stato l’ultimo rappresentante europeo, in ordine di tempo, a trasferire l’ambasciata a Leopoli, decisione dettata dalla necessità di assicurare piena operatività della sede diplomatica a sostegno dei connazionali. L’Ansa ha raccolto la testimonianza telefonica (anonima) di uno degli italiani rientrato da Kiev assieme alla famiglia nelle scorse ore.

Sono ore drammatiche, abbiamo vissuto momenti difficilissimi, in cui abbiamo avuto paura anche di perdere la vita”, ha raccontato l’uomo. Che poi ha aggiunto: “Vorrei ringraziare l’Ambasciatore Zazo e tutto il suo staff per l’aiuto che ha dato agli italiani bloccati in Ucraina. Ci ha aperto le porte dell’Ambasciata, insieme a decine di altre persone, fra cui moltissimi bambini. Siamo stati accolti nell’abitazione dell’Ambasciatore che ci ha messo a disposizione cibo e un rifugio. Ora sono al sicuro in Italia, ma sento dagli amici ucraini che la situazione a Kiev è molto peggiorata e i rischi di un attacco sulla città sono concreti. Spero davvero riescano a mettersi in salvo, e che questa guerra disumana e senza senso finisca al più presto”.

Chi è l’ambasciatore Pier Francesco Zazo

Ambasciatore italiano Zazo salva bambini: la testimonianza di un italiano rientrato da Kiev

Pier Francesco Zazo è il nuovo ambasciatore d’Italia a Kiev dallo scorso gennaio. Nato a Benevento nel 1959, si è laureato in Scienze politiche nel 1984 presso l’Università “Luiss” di Roma. Nel 1999 si è trasferito all’Ambasciata d’Italia nella capitale ucraina per ricoprire il ruolo di Consigliere commerciale.

Dopo quattro anni in Ucraina, ha iniziato a prestare servizio all’Ambasciata d’Italia a Mosca, dove ha lavorato come Capo dell’Ufficio economico-commerciale. Nel 2013 era stato nominato ambasciatore d’Italia a Canberra.

Leggi anche: Il dramma dei bambini ucraini vittime della guerra: Alisa, Polina, Sara, Ivan e gli altri

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie