mercoledì, Ottobre 28, 2020

Amazzonia, la deforestazione aumenta del 55% durante la pandemia

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

L’anno 2020 è iniziato nel segno della devastazione per l’Amazzonia brasiliana. Mentre gli occhi di tutto il mondo sono concentrati sul coronavirus, le attività di disboscamento ed estrazione mineraria accelerano vertiginosamente in considerevoli zone della foresta. Secondo l’Istituto Nazionale per la Ricerca Spaziale del Brasile, la deforestazione nell’Amazzonia brasiliana è aumentata del 55% nei primi quattro mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

I criminali non vanno in quarantena

Un’analisi della NBC News sulle immagini satellitari catturate dall’Agenzia spaziale europea mostra le aree in cui gli alberi sono stati abbattuti di recente. Ed è evidente una riduzione significativa della foresta pluviale nello stato di Rondônia. Secondo gli ambientalisti la pandemia ha fornito copertura alle operazioni di distruzione della foresta con il tacito consenso del presidente Jair Bolsonaro. André Guimarães, capo dell’Amazon Environmental Research Institute, che sostiene la conservazione della foresta pluviale, ha affermato:

Le agenzie governative sono in quarantena, la popolazione è in quarantena, le brave persone sono in quarantena, ma i criminali no. Stanno approfittando di questo slancio per aumentare la loro attività.

Leggi anche: Allarme clima: 1 persona su 3 soffrirà le temperature del Sahara

La sopravvivenza degli indigeni minacciata dal Covid

Con l’imminente arrivo della stagione degli incendi e un sistema sanitario già sopraffatto dal coronavirus, gli ambientalisti temono per le sorti degli indigeni. Secondo i dati raccolti dall’Articolazione dei Popoli Indigeni dell’Amazzonia brasiliana, al 5 maggio i popoli indigeni colpiti dalla pandemia sono 26. 107 indigeni sono positivi al Covid e 18 sono quelli deceduti. I leader hanno chiesto numerosi a Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, un supporto per ricevere materiali per la protezione. Ma al momento, per gli operatori sanitari attivi nei villaggi indigeni e nelle aree forestali remote, non sono disponibili. di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Carlo Conti positivo al Covid: “Sto a casa ma asintomatico”

Il noto conduttore Rai è uno dei tanti conduttori tv che hanno...

Rocco Siffredi positivo al Coronavirus, contagiate le persone a lui più vicine

Rocco Siffredi positivo al Covid. A rivelare l'indiscrezione sulla positività al virus...

Gianluca Vacchi papà per la prima volta: è nata Blu Jerusalema

Imprenditore famosissimo sui social network, amante del lusso e della bella vita,...

Zangrillo: “Pronto soccorso pieni? Nessun disastro, il 60% è un codice verde”

Il primario del San Raffaele di Milano rassicura quanti interpretano l’aumento delle chiamate al 118 come segno di un peggioramento dell’epidemia in Italia.

Chi è Mariacarla Boscono, la super modella, ultima fiamma di Stefano De Martino

Approdata nel mondo della moda a soli 16 anni, la Boscono è stata la prima italiana a posare per il Calendario Pirelli. La top model ancora oggi, all’età di 40, continua a sfilare e a incantare le passerelle internazionali.