lunedì, Settembre 26, 2022

Chi è Alexander Dugin, filosofo di Putin la cui figlia è morta in un attentato

Alexander Dugin è considerato il Rasputin di Putin, ossia l’ispiratore dell’ideologia nazionalistica. Ieri ha perso la figlia in un attentato. Vediamo di conoscerlo meglio.

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ieri sera, intorno alle 21,45 locali è morta Daria Dugina, figlia del filosofo russo filo Putin, Alexander Dugin. La donna si trovava a bordo di un’auto, esplosa nell’area di Bolshiye Vyazemy della periferia di Mosca. A riferirlo è stata l’agenzia di stampa statale Tass.

Intanto le autorità russe hanno aperto un’indagine. Secondo il Comitato Investigativo della Federazione Russa si sarebbe trattato di un attentato: l’auto sarebbe esplosa a causa di un ordigno installato a bordo.

Alexander Dugin e la figlia dovevano viaggiare sulla stessa auto

Aleksandr Dugin_

Daria Dugina aveva trent’anni. Secondo quanto riferisce il Daily Mail, che cita fonti russe, Alexander Dugin e sua figlia tornavano da un evento pubblico e avrebbero dovuto viaggiare sulla stessa auto, ma all’ultimo istante Dugin avrebbe preso un altro veicolo, salvandosi così la vita.

L’auto su cui viaggiava Dagina apparteneva al padre, e quindi l’obiettivo era lui o entrambi, ha riferito all’agenzia di stampa russa Andrei Krasnov, leader del movimento Russky Gorizont e conoscente della famiglia.


La portavoce degli esteri Zakharova ha invitato ad attendere l’esito delle indagini prima di giungere a conclusioni affrettate, dichiarando che se dovesse essere Kiev la causa si tratterebbe di terrorismo di Stato. Che ci siano terroristi del regime ucraino dietro l’attentato invece appare convinto il leader della Repubblica popolare filorussa di Donetsk, Denis Pushilin.

Dall’altra parte è giunta la smentita del consigliere presidenziale ucraino, Mikhail Podolyak, che ha così dichiarato alla tv ucraina:

L’Ucraina non ha nulla a che fare. Non siamo uno Stato criminale, come la Federazione russa, e tanto meno uno Stato terrorista.

Chi è Alexander Dugin

Aleksandr Dugin

Alexander Dugin è un filosofo e politologo russo, ha 60 anni ed è stato consigliere di diversi politici. È noto per le sue posizioni anti-occidentali e di estrema destra. Dugin ha contribuito a un nuovo tradizionalismo russo, la cui ideologia viene considerata simile a quella fascista, che ha come obiettivo una nuova Russia, attraverso l’integrazione del paese con le ex repubbliche sovietiche e la cancellazione e la conquista dell’Ucraina. Per queste sue posizioni fu licenziato dall’università statale di Mosca nel 2014, dopo il suo appello ad “uccidere, uccidere, uccidere” gli ucraini.

Il filosofo si oppone alla civiltà occidentale, liberale e capitalista che rappresenterebbe “la rivolta della Terra contro il Cielo”. Inoltre Dugin è ideologo dell’eurasiatismo che ha teorizzato un Impero in grado di combattere l’Occidente. Il filosofo non ha mai avuto timore di esporre le proprie idee, come quando disse che il papa era insignificante. Ecco cosa dichiarò in una intervista rilasciata a Quotidiano nazionale lo scorso 4 maggio:

L’Occidente moderno è una civiltà completamente decadente che ha maledetto le proprie fondamenta meno contatti ha la Russia con questa dannata società tossica, meglio è per la Russia.

Nel moderno Occidente anticristiano, l’influenza del Papa è minima, ridotta a una funzione umanitaria insignificante e non influente non importa per noi cosa pensa papa Francesco delle guerre giuste e ingiuste.

Leggi anche: Quali sono le vere ragioni della guerra tra Russia e Ucraina: il punto di vista di Aleksandr Dugin

Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.

Ultime notizie