sabato, 11 Luglio 2020

64mila tartarughe verdi in marcia lungo la Grande Barriera corallina

2
Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Nel Mar di Coralli, a largo della costa nordorientale dell’Australia, il drone degli scienziati del Dipartimento di Scienza e Ambiente del Governo del Queensland, DES, ha filmato un evento naturale spettacolare. 64mila tartarughe verdi si sono mosse per raggiungere la Raine Island, un banco di sabbia corallifera che si trova lungo la Grande Barriera corallina, a circa 600 km dal Cairns. Migliaia di esemplari, nella stagione della nidificazione, hanno nuotato per raggiungere l’isola dove vive la più grande colonia di tartarughe verdi del mondo.

L’ausilio del drone nella conta delle tartarughe

L’ausilio del drone è stato particolarmente prezioso. I ricercatori hanno potuto calcolare il numero esatto delle tartarughe in movimento, senza dover ricorrere alle tradizionali imbarcazioni per la conta degli esemplari. Ciò ha fatto risparmiare giorni di lavoro e risorse. A tal proposito il dottor Andrew Dunstan ha detto:

Usare un drone è più facile, più sicuro, molto più accurato e i dati possono essere immediatamente e permanentemente immagazzinati. In futuro, saremo in grado di automatizzare questi conteggi da un filmato usando l’intelligenza artificiale, così un computer conterà al posto nostro.

Leggi anche: Un museo subacqueo per proteggere la Grande Barriera corallina di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Unilever, annunciato un miliardo di investimenti per azzerare le sue emissioni

Il colosso anglo-olandese vuole ridurre a zero le emissioni nette di gas serra entro il 2039, anticipando la scadenza prevista dagli accordi di Parigi.

Spreco d’acqua: il consumo italiano è tra i più alti d’Europa

L’Italia usa più acqua di quanto la natura ne possa restituire al Paese. Tra le cause, l’agricoltura, ma anche il consumo medio dei cittadini: 220 litri ciascuno, il 25% in più sulla media dell’Unione.

Puglia, l’inaspettata invasione delle coccinelle

Si sono riprodotte durante il lockdown, complici anche le alte temperature. E si sono mosse numerose in cerca di nutrimento, arrivando anche in città.