Milano, 20enne mangia tiramisù vegano: “Non si può morire di allergia alimentare”

Il dolce finito nel mirino, servito in un locale specializzato nel servire cibo senza ingredienti di origine animale, è stato ritirato dal mercato.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img

Le avevano detto che quello che le era stato servito fosse un tiramisù vegano, ma la verità era un’altra. Così ha perso la vita a Milano una 20enne allergica ai latticini. O, almeno, questa è l’ipotesi al vaglio della Procura, che sta indagando.

Il dolce finito nel mirino, servito in un locale specializzato nel servire cibo senza ingredienti di origine animale, è stato ritirato dal mercato, nello specifico da 63 negozi in tutta Italia, per la “presenza di allergene” di “proteine del latte” non indicate nell’etichetta. Lo ha deciso il Ministero della Salute. Disposto pure il fermo amministrativo di alcune confezioni del “Tiramisun”: sette vasetti sono stati sequestrati dalla Polizia nel locale, altri 95 nello stabilimento di produzione.

Ragazza allergica al latte mangia “tiramisù vegano” e muore: quattro indagati

Sono quattro gli indagati: il titolare, il responsabile della produzione e due dipendenti dell’azienda Glg srl. Quest’ultima, con sede nel Milanese, produceva il “tiramisù vegano” con marchio Mascherpa. I reati contestati sono di omicidio colposo, frode nell’esercizio del commercio e vendita di sostanze alimentari non genuine.

La giovane vittima si è spenta domenica scorsa all’ospedale San Raffaele dopo dieci giorni di coma. I fatti risalgono al 26 gennaio, quando la ragazza, assieme al fidanzato, aveva cenato in un fast food di hamburger vegani, da loro frequentato assiduamente. A termine del pasto, la 20enne aveva deciso di concludere prendendo un tiramisù, mai ordinato prima, convinta che anche quel dolce non contenesse sostanze di derivazione animale, come d’altronde riportava l’etichetta.

Ma, dopo qualche cucchiaiata, è arrivato subito lo choc anafilattico. Da qui l’immediato ricovero all’ospedale San Raffaele, dove è entrata in coma ed è morta domenica. La giovane aveva una ipersensibilità allergica al latte fin dalla nascita.

Minsitero della Salute richiama il tiramisù vegano. Vittima allergica anche alle uova (trovate nella maionese)

Il Ministero della Salute è intervenuto sulla questione del “tiramisù vegano” lunedì, decidendo per il “richiamo” da tutti i negozi e i ristoranti. Nella scheda del Ministero si legge: “Prodotto che può contenere tracce di latticini. Si invitano i consumatori a non consumare il prodotto e a riportarlo al punto vendita per il rimborso”.

Quel che viene da chiedersi è: come è stato possibile che un prodotto segnalato come privo di sostanze di derivazione animale contenesse “proteine del latte”? Una delle ipotesi è che potrebbe essersi verificata una contaminazione. Anche se da successivi accertamenti è emerso che la vittima fosse allergica pure alle uova e l’Ats (Agenzia della tutela della salute) avrebbe trovato tracce di uovo nella maionese prodotta dal locale e usata per condire un hamburger mangiato dalla giovane. Bisognerà quindi chiarire se anche questa circostanza possa aver inciso o meno sulla morte della 20enne.

Come un’allergia può diventare un incubo

Ora i Carabinieri del Nas, assieme all’Ats, stanno svolgendo ulteriori esami sul “tiramisù vegano” per stabilire l’esatta quantità di latticini presenti. La Procura, poi, incaricherà qualche esperto per una consulenza allergologica. L’autopsia sul corpo della giovane si terrà tra giovedì e venerdì prossimo.

Insomma: ancora una volta, un’allergia alimentare si trasforma in un incubo per chi la vive sulla propria pelle. Spesso discriminate, altre volte liquidate come semplici “rompi**lle”, le persone che soffrono di particolari e vincolanti allergie alimentari continuano a lottare per il loro “diritto al gusto”. E anche se sono sempre più numerosi i locali che offrono cibo senza glutine o vegano, la vicenda tragica di Milano dimostra quanta strada, ancora, ci sia da fare.

Leggi anche: Dieta vegetale per salvare il mondo, lo studio della NY University

spot_img

Correlati

Stellantis, approvato il maxi stipendio del CEO Carlos Tavares: quanto guadagnerà al giorno

Il 70,2% degli azionisti di Stellantis, nata dalla fusione di PSA e Fiat-Chrysler, ha...

Zelensky dopo gli attacchi iraniani avanza una proposta agli alleati occidentali

Dopo l'attacco dell'Iran contro Israele, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha avanzato una specifica...

Israele chiede all’ONU tutte le sanzioni possibili per l’Iran: qual è stata la risposta?

Secondo il segretario generale dell'ONU, Antonio Guterres, il Medio Oriente si trova attualmente "sull'orlo...
Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img