mercoledì, Settembre 28, 2022

Trieste, 17enne ucciso per gelosia, il padre: “Gli avevo detto di non frequentare quella ragazza”

Robert T., 17 anni, è stato strangolato con un laccio la notte tra il 7 e l'8 gennaio per motivi passionali dall'ex fidanzato della ragazza con cui si frequentava, un marocchino 21enne. Il padre: "Gli avevo detto di non frequentarla".

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

17enne ucciso per gelosia a Trieste. Robert T., 17 anni, è stato strangolato con un laccio la notte tra il 7 e l’8 gennaio per motivi passionali. Ad ucciderlo, l’ex fidanzato della ragazza con cui si era dato appuntamento, un marocchino 21enne che non accettava la fine della relazione. Il cadavere di Robert è stato rinvenuto in un ostello in un palazzo del centro di Trieste, dove alloggiava la ragazza.

Il marocchino ha raggiunto la donna all’interno della struttura, poi ha atteso l’arrivo del 17enne e gli ha teso un’imboscata: lo ha rapito, portato in un’auto, ucciso e poi nascosto nel sottoscala di un edificio adibito ad affittacamere. La Procura di Trieste aveva avviato subito le investigazioni, coordinate dal sostituto procuratore Lucia Baldovin, e in questo modo è stato possibile identificare il 21enne, residente da tempo a Trieste.

17enne ucciso per gelosia: lunedì partono le indagini preliminari

17enne ucciso per gelosia: lunedì partono le indagini preliminari

17enne ucciso per gelosia: l’assassino è stato fermato per omicidio volontario e il magistrato ha subito disposto l’interrogatorio, che poi è stato rimandato a causa di un malore accusato dal 21enne, che è stato così trasportato in Ospedale. Dopo le dimissioni dal nosocomio, il marocchino è stato sentito e poi trasportato in carcere.

Lunedì la Procura aprirà formalmente il fascicolo delle indagini preliminari, con l’ipotesi di omicidio volontario. Stando alle ultime indiscrezioni, il 21enne avrebbe confessato.

Il padre della vittima: “Mio figlio finito in un’imboscata, gli avevo detto di non frequentare quella ragazza”

Peter T., il padre del 17enne ucciso per gelosia, ha chiarito come il figlio sia stato vittimo di un’imboscata. Ha detto: “Robert aveva un appuntamento con la sua ragazza in una struttura ricettiva. Il suo ex fidanzato, un 21enne di origini marocchine, era geloso, gli ha teso un’imboscata. Robert aveva avvisato che stava arrivando dal rione San Giacomo, l’ex ragazzo si trovava con la giovane. Quindi è sceso, gli sarebbe andato incontro e l’avrebbe strangolato. C’era anche un romeno con lui. Non si sa se l’hanno messo in macchina o se l’hanno strangolato subito”.

I genitori della vittima, di origini serbe, vivono in un appartamento Ater di Valmaura e ancora non riescono a credere a quanto accaduto. A Il Messaggero Veneto, il padre di Robert ha ammesso: “Sono devastato. Avevo detto a mio figlio di non frequentare quella ragazza, perché avevo capito che il suo ex è un personaggio pericoloso”. Ma, purtroppo, l’epilogo è stato tragico.

Leggi anche: Aggressione in carcere: muore l’uomo che aveva ucciso e fatto a pezzi la madre

Asia Buconi
Classe 1998, romana. Studia scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.

Ultime notizie