Paralizzato dopo il tuffo in mare, Leonardo Lotto emoziona alla laurea: “Dobbiamo conquistarci la nostra libertà”

Leonardo Lotto si laurea a 10 mesi dopo l'incidente che gli ha fatto perdere l'uso delle gambe: "Ci tengo a ringraziare chi mi ha salvato la vita e chi mi ha tirato fuori dall’acqua quando non respiravo più".

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

L’aostano Leonardo Lotto ha 24 anni e ha appena conseguito la laurea nel Master in International Management al prestigioso Cems di Londra. Gli mancavano solo due esami quando 10 mesi fa dopo un tuffo sbagliato in vacanza in Australia ha subìto un grave incidente.

Leonardo Lotto, dopo questo episodio, è rimasto paralizzato dalla vita in giù. E, nonostante non sia stato un percorso facile, alla sua laurea ha parlato al centro del palco sulla sua sedie a rotelle, invitando tutti i presenti a riflette sulla libertà: “Ogni giorno penso costantemente a come le cose possano cambiare rapidamente e drasticamente, e in modi che non avrei mai potuto immaginare. Ora non ho altra scelta che guardare avanti, iniziare un altro nuovo viaggio che sarà doloroso, duro e faticoso”.

La forza di Leonardo Lotto dopo l’incidente

Nel giorno della sua laurea Leonardo Lotto ha tenuto un discorso ed è stato acclamato e applaudito, con tanto di standing ovation. Ha così iniziato: “Voglio ringraziare in primis i miei genitori, mia madre, mio padre. Siete voi gli eroi. Abbiamo già vinto tanto insieme, e continueremo ancora a vincere. Mi date forza e coraggio, niente può spiegare sufficientemente quanto vi sia grato. Siete voi i miei supereroi”

Si è poi rivolto a tutti gli altri studenti dell’ateneo e ai suoi amici che hanno condiviso con lui il percorso di laurea: “Voglio parlare a tutti voi del Cems che non siete solo i migliori colleghi, i migliori studenti e manager nel mondo”. Ha poi sottolineato: “Voi avete una cosa così speciale non così ovvia di questi tempi che ha questo nome, empatia. E questo mi rende ottimista sul fatto che voi cambierete il mondo. Sì, ne sono più che sicuro”.

Non ha mancato poi di ringraziare tutti i medici che lo hanno curato e sostenuto dopo l’incidente avvenuto a Melbourne:Ci tengo anche a ringraziare chi mi ha salvato la vita e chi mi ha tirato fuori dall’acqua quando non respiravo più. Mi hanno permesso di essere qui oggi insieme a voi e di tenere questo discorso. Davvero, non saprei cos’altro dirvi per potervi ringraziare”.

Nel suo discorso Leonardo ha voluto ricordare a tutti un concetto imprescindibile. Quale?

Leonardo Lotto ha voluto ribadire ai suoi compagni e colleghi di corso e a tutto il pubblico al Cems il suo punto di vista su un tema cardinale, la libertà: “Per quelli che mi conoscevano già prima, sapete quanto fosse importante la libertà per me. E ora che l’ho persa, che ho perso la mia indipendenza e autonomia, ho capito ancora più quanto fondamentale sia la libertà”.

Perché, ha continuato il giovanissimo neolaureato Leonardo Lotto: La libertà è il valore in assoluto più importante, dobbiamo conquistarla e dobbiamo sempre lottare per la libertà dei popoli”. Ha concluso: “E se noi siamo liberi oggi è perché qualcuno ha lottato per noi e ci ha resi liberi. La libertà è un concetto imprescindibile che non dobbiamo mai dimenticare”.

Leggi anche: Barlaam è il miglior atleta di nuoto paralimpico: “Ho vinto 6 ori. L’acqua è la mia salvezza”

spot_img

Correlati

Matteo Ridolfi, il 14 enne salva un uomo con massaggio cardiaco: “L’ho visto fare nella serie Doc”

Il 14enne Matteo Ridolfi ha salvato un uomo per strada, praticandogli un massaggio cardiaco...

Doppio trapianto record salva 56enne: “Mi restava solo un giorno e mezzo di vita e invece sono qui”

Un uomo di 56 anni, da sempre malato, è stato salvato grazie a un...

Nata con metà cuore, diventa mamma di due gemelli: è il primo caso in Italia

Una 36enne romana, Ylenia Mellaro, è diventata mamma di due gemelli. Il suo è...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img