Nina potrà finalmente sostenere la maturità: “Tre scuole mi hanno aperto le porte”

Si era vista negare dalla sua scuola la possibilità di accedere alla maturità. Ma adesso Nina Rosa Sorrentino, ragazza con sidnrome di down, potrà diplomarsi.

Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img

Si era vista negare dalla sua scuola, il liceo Sabin di Bologna (indirizzo scienze umane), la possibilità di accedere alla maturità perché “non idonea”. Poi, l’appello a La Vita in Diretta su Rai 1. E adesso Nina Rosa Sorrentino, la 19enne con sindrome di Down, potrà diplomarsi.

Ad aprirle le porte sono state tre scuole del capoluogo emiliano, che si sono candidate ad accoglierla e a permetterle di sostenere l’esame di stato proprio come lei desiderava. Lo riporta Il Resto del Carlino.

L’appello di Nina Rosa Sorrentino per sostenere la maturità: “Aiutatemi a trovare una soluzione”

Voglio fare l’esame di maturità perché voglio mettermi alla prova, per poter andare avanti nel mio futuro. Voglio imparare cose nuove, mi piace studiare. Sono prontissima. Studiare per me è importante, aiutatemi a trovare una soluzione”, era stato questo l’appello di Nina Rosa Sorrentino.

Ora la madre e il padre di Nina hanno deciso di ritirarla dal liceo Sabin, dove seguiva il programma differenziato. Già al terzo anno, infatti, i genitori avevano richiesto il passaggio al programma degli obiettivi minimi, che avrebbe permesso alla ragazza di prendere la Maturità e non solo la “certificazione delle competenze”.

Ma il rifiuto del Consiglio di classe era stato categorico, soprattutto perché quel passaggio richiedeva di sostenere esami integrativi. Da qui, la decisione dei genitori di ritirare Nina da scuola, nonostante con un giorno di presenza in più avrebbe potuto ottenere la certificazione delle competenze, che però le avrebbe impedito di prendere la maturità.

Casi Nina Sorrentino, ministro Locatelli: “C’è ancora strada da fare”

Sul caso di Nina Rosa Sorrentino è intervenuta ieri durante il question time alla Camera anche la ministra per la Disabilità Alessandra Locatelli, che ha detto in merito:

C’è ancora un po’ di strada da fare se una ragazza con la sindrome di Down non viene ammessa all’esame di maturità.

Se non si è stati in grado di usare tutte le strategie possibili e l’accomodamento ragionevole, come previsto dalla Convenzione Onu per i diritti delle persone disabili che in Italia è legge; se non si è stati in grado di valorizzare i punti di forza dei ragazzi che non chiedono di essere promossi automaticamente ma di avere un’occasione e un’opportunità.

La ministra era intervenuta sul caso di Nina Rosa Sorrentino già martedì scorso, dicendo che la diciannovenne “ha sicuramente dei valori e delle competenze da spendere, non solo nel percorso scolastico ma anche nell‘inserimento lavorativo e questo deve essere un diritto garantito a tutti, oltre che garantito dalla nostra Costituzione” e auspicando che ci fosseuna strada ancora da intraprendere: siamo a marzo, l‘esame è a giugno magari c‘è ancora qualche possibilità”.

Leggi anche: Madonna di Trevignano, lo scultore: “Ecco il trucco per far piangere le statue”

spot_img

Correlati

Il veterinario che cura gratis cani e gatti dei senzatetto: “Ho salvato più di 400 animali”

Kwane Stewart è un 53enne originario di Albuquerque meglio, conosciuto come The Street Vet,...

Giulia Ruffato, dall’ischemia alla mail di Alex Zanardi: “Ora voglio vincere alle Paralimpiadi”

Giulia Ruffato, 37enne originaria di Pianiga in provincia di Venezia, continua a collezionare successi....

Giulia Duro, lieto fine per la 19enne scomparsa a Palermo: “Sta bene, è tornata a casa”

La 19enne Giulia Duro, scomparsa nel nulla tre giorni fa nel palermitano, è stata...
Asia Buconi
Asia Buconi
Classe 1998, romana. Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali, ama l’attualità e la letteratura, ma la sua passione più grande è la sociologia, soprattutto se applicata a tematiche attuali. Nel tempo libero divora film e serie tv.
spot_img