domenica, Luglio 12, 2020

Netflix Sans – il nuovo font per il colosso dello streaming

2
Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Dopo Apple (San Francisco), Samsung (SamsungOne), Google (Roboto and Product Sans), e Microsoft (Segoe), anche Netflix entra a far parte della categoria dei grandi brand digitali ad avere un proprio “custom font”. Abbandonato il carattere Gotham, il più popolare servizio di film e serie in streaming ha presentato Netflix Sans, un nuovo font che ha fatto sviluppare da una squadra di grafici dell’azienda in collaborazione con lo studio Dalton Maag. Il font su misura è chiaro, funzionale e perfettamente in linea con l’identità del brand. Da ora in poi tutti i contenuti pubblicitari e di marketing dell’azienda leader nel video streaming utilizzeranno esclusivamente questo font. Uno dei motivi di questa scelta, facilmente intuibile, è legato alla volontà di dare un’identità riconoscibile e unica a tutti gli annunci di Netflix, sfruttando questo strumento per distinguersi dalla concorrenza, Amazon su tutti, e creando un legame di fidelizzazione più forte con gli utenti. Tuttavia la creazione e l’utilizzo di un nuovo font proprietario, non è solo mossa da questa motivazione. In un’intervista rilasciata alla webzine It’s Nice That dal capo del brand design Noah Nathan, egli rivela come la ragione principale sia di carattere puramente economico:

Developing this typeface not only created an ownable and unique element for the brand’s aesthetic…but saves the company millions of dollars a year as foundries move towards impression-based licensing for their typefaces in many digital advertising spaces.”

In sintesi, la decisione di optare per un font creato ad hoc nasce dalla necessità di arginare i costi delle licenze dei font che continuavano a lievitare data la portata del colosso americano. Perciò l’utilizzo di un unico logo nelle campagne internazionali permette a Nteflix di risparmiare – dichiara Nathan – milioni di dollari l’anno, legati all’adeguamento delle licenze dei caratteri tipografici negli spazi pubblicitari digitali. Il Netflix Sans è stato definito da Nathan come compatto ed efficiente, oltre che cinematico. Nonostante sia un nuovo font, tranne qualche piccola variazione, sembra essere molto simile al classico Helvetica. Somiglianza probabilmente legata al fatto che i grossi brand del digitale oggi puntano tutto sulla creazione di un loro carattere, prevalentemente Sans-serif, ovvero senza i tratti terminali, e che soprattutto sia semplice, diretto, chiaro e leggibile. Nathan descrive le lettere come pulite e neutrali, un carattere “geometrico grottesco”, in cui si elimina l’eccesso “favorendo l’arte oltre la distrazione”. Il taglio ad arco sulla “t” minuscola è ispirato alla “cinemascopic curve”, cioè al sistema di ripresa cinematografica, basato su lenti anamorfiche, che consiste nel deformare, in ripresa, le immagini e poi disanamorfizzarle in proiezione al fine di ottenere fotogrammi a largo campo visivo (2,35:1). Netflix Sans è disponibile in regular, light, thin, medium, bold e black. Federica Tuseo

Federica Tuseo
Federica Tuseohttp://ildigitale.it
Federica Tuseo. Classe 1994. Redattrice. Nomade digitale, alla costante ricerca di novità e sempre pronta a partire per girare il mondo, raccontando storie di vita vissuta. Una laurea triennale in Lingue e culture moderne ed una magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo. Web, startup e innovazione sono i suoi orizzonti di ricerca.

Correlati

Giornalisti del Messaggero: Sciopero di tre giorni contro nuovo taglio ai compensi

Dopo l’apertura formale dello stato di agitazione insieme alla Fnsi lo scorso mese, i collaboratori del quotidiano romano annunciano tre giorni di sciopero in risposta ad un taglio del 30% dei compensi.

Addio a Mario, il barista di “Certe notti” di Ligabue

“Ci vediamo da Mario, prima o poi” Quante volte abbiamo canticchiato questo...

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Popolari

Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Leon Pappalardo, il figlio minorenne di Selvaggia Lucarelli contesta pubblicamente Matteo Salvini...

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Europa: ecco dove gli italiani possono andare in vacanza

In alcuni Paesi, come ad esempio la Spagna, vince ancora la prudenza. Italiani sotto controllo. Da Luglio maggior libertà di spostamento anche verso il resto del mondo.

Ultimi

Giornalisti del Messaggero: Sciopero di tre giorni contro nuovo taglio ai compensi

Dopo l’apertura formale dello stato di agitazione insieme alla Fnsi lo scorso mese, i collaboratori del quotidiano romano annunciano tre giorni di sciopero in risposta ad un taglio del 30% dei compensi.

Addio a Mario, il barista di “Certe notti” di Ligabue

“Ci vediamo da Mario, prima o poi” Quante volte abbiamo canticchiato questo...

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....