Home»CHANGE»La foto delle nonne di Campoli con i figli dei migranti: è l’Italia che vogliamo

La foto delle nonne di Campoli con i figli dei migranti: è l’Italia che vogliamo

Nicolina, Vincenza e Maria, le tre donne sorridono in posa con i figli dei migranti proprio come fanno le nonne con i nipotini.

3
Condivisioni
Pinterest Google+

È l’immagine del giorno, scattata in un piccolo paesino campano nella provincia di Benevento, Campoli. Tre donne anziane sedute su una panchina nella piazzetta del paese con tre bimbi di colore in braccio, ospiti del centro di accoglienza. Zia Nicolina, zia Vincenza e zia Maria li cullano proprio tutte le nonne del mondo fanno con i loro nipotini. La foto è stata pubblicata sulla pagina Facebook Sei di Campoli se ed è diventata subito virale con tantissimi commenti positivi. Nel post che accompagna la foto si legge “Un pomeriggio qualunque abbascio a chiazzólla. Da sinistra: Zì Nicolina, Zì Vicenza e Zì Maria fanno da nonne ai piccoli che vivono nel centro accoglienza situato vicino alle loro abitazioni“.

Tra gli utenti spicca il ricordo nostalgico di Federico, uno dei nipoti delle anziane signore:

Pensare che 37 anni fa ero su quelle stesse gambe avvolto dallo stesso sorriso e adesso a km di distanza e con qualche anno in più, sono contentissimo di poter condividere le stesse emozioni con un bambino che non conosco ma che merita tutto e di più, sei bellissima nonna, ovviamente belle e belli i soggetti ritratti.

E ancora: “Questa foto mi fa sperare in un mondo migliore” scrive Stefania. E Irene: “Speriamo di riuscire a mantenere costantemente vivi i valori che da sempre hanno distinto l’Italia nel mondo“.

E sul web già si sta diffondendo la proposta di dichiarare le nonnine campolesi “Patrimonio dell’Umanità”.

 

di Martina Mugnaini

Articolo Precedente

"È fondamentale risolvere il problema dei cambiamenti climatici", la lettera degli scienziati alle Istituzioni

Articolo Successivo

Cos'è la resilienza, la capacità di ricominciare

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *