lunedì, Giugno 21, 2021

Incidente al porto di Salerno, muore operaio di 34 anni: aveva da poco sconfitto una leucemia

Il giovane è stato trasportato in ospedale e sottoposto a intervento d’urgenza, ma non ha superato la notte. I colleghi: “Lo scalo portuale è una polveriera. Tutti lo sanno, ma nessuno fa nulla”.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Non ce l’ha fatta Matteo Leone, il ragazzo 34enne, lavoratore portuale, che ieri nel primo pomeriggio è stato coinvolto da un grave incidente al porto di Salerno.

Trasportato d’urgenza dal molo 10 all’ospedale San Giovanni di Dio, Matteo ha subito più operazioni, ha superato un arresto cardiaco, ma alla fine si è spento intorno all’una di questa mattina.

Un carrello elevatore lo ha travolto durante una manovra, probabilmente a causa di una distrazione del collega responsabile del mezzo, ma sull’effettiva dinamica dell’incidente indagano ora la Polizia di Frontiera assieme alla Capitaneria di Porto.

La città di Salerno è oggi in lutto per Matteo Leone, membro della comunità attivo e rispettato, guarito appena due anni fa da una leucemia.

Incidente al porto di Salerno, muore sul lavoro il 34enne Matteo Leone

Nella giornata di ieri, 25 maggio, la cronaca racconta di un incidente al porto di Salerno. Questa volta a essere coinvolto è Matteo Leone, 34 anni, addetto alla movimentazione dei container presso il porto commerciale di Salerno. Secondo quanto ricostruito sinora, un carrello elevatore, al molo 10, ha travolto il ragazzo in pieno procurandogli molte, troppe ferite.

Le condizioni appaiono subito critiche e i colleghi che assistono alla scena chiamano in fretta il 118. I soccorsi trasportano immediatamente Matteo all’ospedale San Giovanni di Dio. Le ferite però sono veramente gravi e, nonostante le diverse operazioni e la rianimazione seguita all’arresto cardiaco, all’una di questa mattina viene dichiarato il decesso del ragazzo.

“Ennesimo incidente al porto di Salerno”: la denuncia di Cisal e le proteste dei portuali

Sull’incidente al porto di Salerno si è aspramente espresso Gigi Vicinanza, componente della segreteria nazionale della Cisal Metalmeccanici. Ha detto:

L’ennesimo incidente al porto di Salerno è lo specchio dei tempi che viviamo. Tutti in prima linea a rivendicare interventi in tal senso e poi tutti inermi davanti a questi episodi.

A chiarire responsabilità e dinamica ci penseranno le forze dell’ordine, ma i sindacati devono tornare a fare il sindacato. Basta passerelle con istituzioni sorde e assenti agli appelli che lanciamo da mesi.

Lo scalo portuale è una polveriera. Tutti lo sanno, ma nessuno fa nulla.

E aggiunge senza usare mezzi termini:

Se il prefetto non è in grado di gestire l’emergenza sicurezza sui luoghi di lavoro che, dopo il Covid, è la più importante sul nostro territorio, si dimetta.

Lo sciopero dei portuali per Matteo Leone

Oggi al porto di Salerno si sciopera per 24 ore, in memoria di Matteo Leone. Filt Cgil, Fit Cisl e Uilt esprimono “sgomento per il tragico incidente sul lavoro” e affidano allo sciopero il loro grido di protesta.

Sciopero di un’ora previsto anche per le organizzazioni sindacali a livello nazionale. Intanto, alle ore 12 suonano congiuntamente le sirene di tutte le navi, in tutti i porti italiani, per onorare la morte del giovane operaio.

Leggi anche: Busto Arsizio, nuovo incidente sul lavoro: operaio 49enne muore schiacciato da un tornio meccanico

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie