Home»Digital Life»“I sogni non vanno rimandati”, dal tumore al viaggio intorno al mondo

“I sogni non vanno rimandati”, dal tumore al viaggio intorno al mondo

La travel blogger Francesca Barbieri, in arte Fraintesa, dopo la sua battaglia contro il tumore lancia il progetto #Gofraintesa: un viaggio intorno al mondo per sensibilizzare sull'importanza della prevenzione.

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Francesca Barbieri, travel blogger conosciuta come Fraintesa, è un esempio di come la vita sia incredibilmente difficile, imprevedibile e meravigliosa. Una ragazza come tante, ha 36 anni ed è nata in campagna in un paesino vicino a Modena. Nel 2009 apre il suo blog I viaggi di Fraintesa.it, uno spazio dove condividere la passione per i viaggi, la sua vita da vegetariana e vari tipi di esperienze vissute in prima persona. Quello che in passato è nato come semplice hobby si è poi trasformato in un lavoro a tutti gli effetti, con una community di 150 mila lettori al mese. La giovane imprenditrice di se stessa in media resta ferma in casa dieci giorni al mese e ha smesso di contare i Paesi visitati dopo aver raggiunto il cinquantesimo. C’è qualcosa, tuttavia, che rende la storia di Francesca unica nel suo genere, una notizia che ha sconvolto la sua vita.

La malattia e la rinascita

L’8 ottobre 2018 i medici diagnosticano a Francesca un tumore al seno. “In quel momento mi è caduto il mondo addosso”, racconta sui social ricordando il momento in cui ha ricevuto la diagnosi, “Ho passato dei mesi da incubo e in questo lungo periodo non ho raccontato niente a nessuno per conservare ogni energia per questa battaglia”.

Nonostante lo shock iniziale, il dolore e la stanchezza dovuta alle cure, il suo istinto e il suo amore per la vita hanno superato gli interventi, i cicli di chemioterapia e di radioterapia. Oggi il tumore non c’è più e, per dare un senso diverso a quella fatidica data, ha deciso di partire per un viaggio intorno al mondo in solitaria “per dimostrare che la vita è bella e che si può sempre trovare un punto di vista migliore”.

“Quando scopri di non stare bene, ti attacchi alla vita con le unghie e con i denti. La vita è un’occasione e non va sprecata. Per questo se hai dei sogni, devi fare di tutto per realizzarli”, racconta Francesca.

#Gofraintesa: viaggio costruttivo intorno al mondo

#Gofraintesa è l’hashtag che racconta questo progetto/sogno di viaggio e che è un incitamento ad andare sempre avanti nella vita. Il giro del mondo partirà da Milano, sarà diretto verso est e durerà 3 mesi, per poi tornare in Italia e fare tutti i controlli medici necessari. La prima realtà che ha creduto nel progetto è stata Cathay Pacific, la compagnia aerea di bandiera di Hong Kong, che ha fornito i biglietti per le tratte da Milano a Hong Kong, e per un secondo volo da Hong Kong a Sydney. L’Itinerario completo? “Per ora non ho ancora creato il resto dell’itinerario, ma penso che terrò Hong Kong come base per qualche tappa nei dintorni prima di dirigermi nella mia amata Australia, magari Singapore, Taiwan, Shanghai, Cina, Filippine… poi il Sud America”.

Sarà un viaggio diverso da tutti gli altri fatti in precedenza perché altruistico: in ogni tappa del suo percorso Francesca racconterà la sua storia, sottolineando l’importanza della prevenzione. Per poter realizzare il suo sogno, Francesca ha lanciato una campagna di crowdfunding «Il mio grande sogno dopo il tumore», il cui ricavato servirà da un lato per finanziare il suo viaggio intorno al mondo, dall’altro come donazione alla Fondazione Airc per la Ricerca sul Cancro per contribuire al raggiungimento di un importante obiettivo: rendere il cancro sempre più curabile. Questo viaggio quindi, oltre a essere una “rivincita sulla vita” rappresenta l’occasione per trasformare un’esperienza drammatica in un’opportunità per fare del bene a se stessa e soprattutto agli altri. La campagna, che si propone di raccogliere fino a 30mila euro, rimarrà aperta fino al ritorno di Francesca dal suo viaggio, l’8 gennaio 2020.

video credit: YouTube – Fraintesa Travel Blogger

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

Quando la felicità è virale: la danza di Matt Harding in giro per il mondo

Articolo Successivo

Made in Carcere: il brand che regala una seconda opportunità ai detenuti

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *