Home»Cultura»Frida Kahlo in un clic: viaggio nell’universo dell’artista più amata di sempre

Frida Kahlo in un clic: viaggio nell’universo dell’artista più amata di sempre

Esplora la più grande collezione al mondo dedicata a Frida Kahlo, senza pagare il biglietto in un museo. È il nuovo progetto di Google Arts and Culture.

8
Condivisioni
Pinterest Google+

Senza dubbio una delle pittrici messicane più famose e acclamate di tutti i tempi, un’artista amatissima e profondamente penetrante a livello sociale, non solo acclamata per la sua arte, ma diventata anche un’icona pop a tutti gli effetti. Frida Kahlo, le sue opere, gli oggetti e i luoghi iconici della pittrice, diventano digitali ed accessibili a tutti con il nuovo progetto “Faces of Frida”. La collezione dedicata al lavoro, alla vita e all’eredità di una delle artiste più importanti del XX secolo è disponibile online dal 25 maggio, sulla piattaforma Google Arts and Culture. Il progetto nato dalla collaborazione tra la piattaforma Google Arts & Culture e un network di 33 musei di 7 diversi paesi del mondo e tanti esperti internazionali, riesce a dare vita ad un vero e proprio museo virtuale. Grazie a questa collaborazione, sono riusciti a riunire in un unico posto le opere più iconiche della pittrice messicana, rendendole disponibili, gratuitamente e da qualunque luogo in cui ci si trovi.

La bellezza nei dettagli: potrai zoomare su ogni pennellata

Spesso guardando un’opera in una galleria d’arte o in un museo, riusciamo a percepire delle sensazioni provenienti da uno sguardo complessivo al quadro o alla scultura. Ciò che sfugge, per distrazione o per l’impossibilità di poter analizzare al microscopio ogni dettaglio della tela, sono i particolari. Grazie all’esposizione virtuale di casa Google, è possibile apprezzare una lunga carrellata di dipinti celebri e meno noti, fra questi 20 opere sono disponibili in altissima definizione, grazie all’utilizzo della tecnologia Art Camera.

Fra le potenzialità del web da sfruttare, c’è la possibilità di zoomare su alcune tele fino a distinguerne ogni pennellata ed esplorare i legami dell’icona messicana con altri artisti e movimenti attraverso appositi link, costruendo di volta in volta il proprio itinerario personalizzato.

Nella mostra digitale sono presenti opere mai esposte al pubblico

Nella galleria virtuale sono presenti opere esposte in musei di tutto il mondo come i quadri del Museo Dolores Olmedo e del Museo Frida Kahlo di Città del Messico o quelli del Museum of Fine Arts di Boston. Ma non mancano dipinti provenienti da collezioni private mai visti in rete e raramente esposti al pubblico, come “View of New York”, un autoritratto di Frida Kahlo mentre guarda fuori dalla finestra del Barbizon Plaza Hotel durante un viaggio del 1932.

Un viaggio a 360 gradi nel mondo di Frida

Come in un museo fatto di pietra e mattoni, su ‘Faces of Frida’ è possibile seguire dei percorsi tematici per immergersi completamente nel mondo di Frida e accedere a focus dedicati alle singole opere. Per approfondire, sono disponibili contenuti editoriali originali che spaziano dal rapporto di Frida con il corpo alle sue relazioni con la politica, fino al valore di una pittura che va ben oltre la leggenda pop.

Oltre alle opere d’arte, la collezione presenta anche centinaia di fotografie personali, ritratti d’autore, lettere, pagine di diario, abiti e gioielli dell’artista, nonché preziosi disegni che svelano i processi creativi alla base delle opere più celebri, per un viaggio a 360 gradi nell’universo di Frida.

Un grande museo virtuale tutto da esplorare

Kate Haw, il direttore dello Smithsonian Archives of American Art, ha dichiarato a Forbes:

“Questa mostra online, curata dagli esperti nel settore, presenta una visione della vita e degli amori di Frida Kahlo attraverso le sue vibranti lettere, le sue candide fotografie e i saggi inediti. Attraverso le storie di questi reperti originali – un totale di 54 documenti rari tratti dalle nostre collezioni – acquisiamo una più profonda comprensione delle relazioni di Frida con lo storico Florence Arquin, l’artista Emmy Lou Packard, il fotografo Nićkolas Murray, il collezionista d’arte Chester Dale e lo scrittore John Weatherwax. Siamo grati a Google Arts & Culture per questa opportunità unica di collaborare con loro e con tante istituzioni straordinarie nella prima retrospettiva online dedicata all’eredità di uno degli artisti più importanti al mondo”.

Cammina per le vie del Messico e visita la Casa Azul

Tocco finale per i wanderlust è un viaggio virtuale nei luoghi più significativi della vita dell’artista messicana. Grazie all’app Street View si potranno “visitare” ad esempio le stanze della Casa Azul, residenza di Città del Messico dove Frida Kahlo nacque e visse la sua intensa storia d’amore con Diego Rivera.

Alcune opere di Frida Kahlo visibili sulla galleria digitale Faces of Frida.

di Federica Tuseo

Articolo Precedente

Caro stalker non ti temo, a te ci pensa un'app

Articolo Successivo

Nessun uomo è un'isola, la vita è meravigliosa e vale la pena salvarla ad ogni costo

1 Comment

  1. […] parola inglese che indica la libertà – freedom – e ricorda quello della pittrice Frida Kahlo,  simbolo dell’autonomia e del riscatto femminile. Ma cosa differenzia esattamente Freeda dalle […]

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *