martedì, Settembre 29, 2020

E se il bar sotto casa diventasse la tua portineria? L’idea di tre amiche milanesi

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Vivere in una grande città ha molti vantaggi: sicuramente non ci si annoia mai e anche arrivare a lavoro ogni mattina può essere quasi un’avventura. Forse però ciò di cui sentiamo la mancanza vivendo in queste grandi metropoli è un rapporto più amichevole con i vicini del nostro quartiere. Molto spesso il problema sta proprio nelle dimensioni stesse del quartiere: ogni giorno ti capita di incontrare persone diverse pur facendo sempre la stessa strada. Può succedere di aver abitato per anni accanto a qualcuno senza averlo nemmeno mai visto. Per fortuna nell’ultimo periodo la tendenza a cercare di recuperare quel rapporto intimo e confidenziale con il proprio vicino sta prendendo sempre più piede: nascono quindi i social e le iniziative per mettere in contatto le persone che abitano in palazzi contigui e magari non si sono mai viste. Ed è proprio in quest’ottica che nasce Portineria 14. Leggi anche: In Italia arriva Nextdoor: il social della porta accanto per scambiarsi favori con i vicini

L’idea di Francesca, Federica e Manuela: creare un punto di riferimento nel quartiere

Quante volte ci siamo sentiti soli nell’affrontare le piccole esigenze della vita quotidiana? Non sapere a chi far recapitare un pacco o trovarsi nei guai per aver dimenticato le chiavi di casa in ufficio. È proprio per rispondere alle esigenze di tutti i giorni che nasce Portineria 14.

Ecco perché nel 2016 tre giovani amiche hanno deciso di creare un luogo che è subito diventato il punto di riferimento di un quartiere, quello Ticinese di Milano, che aveva quasi completamente perso la sua dimensione di condivisione e vicinato.

Lo scopo è proprio quello di rispondere – in maniera completamente gratuita – alle esigenze di ogni giorno: “Siamo tutti connessi, tutti iper-tecnologici – spiega Francesca, una delle tre fondatrici – ma siamo diventati indifferenti e non ci occupiamo più di chi ci sta intorno”. Leggi anche: 7 modi in cui i Millennials stanno migliorando il mondo del lavoro Questo bar-portineria nasce quindi con l’idea di ricostruire il tessuto sociale del quartiere, per entrare in relazione con le persone e ritrovare fiducia nel prossimo. «L’idea è venuta da un’edicola multiservizi in Francia. Con la differenza che loro si fanno pagare, mentre noi offriamo tutto gratis. Ma le particolarità non si fermano qui: a pittori e fotografi mettiamo a disposizione, sempre free, le nostre pareti per delle mostre, agli artigiani regaliamo il locale per un giorno per esporre i loro oggetti. Organizziamo raccolte benefiche» continua Francesca.

La tua portineria nel cuore di Milano

Trovare un posto come Portineria 14 non è semplice: esistono luoghi simili – anche vicini al bar di Francesca, Federica e Manuela – ma i servizi che offrono sono a pagamento. Qual è il servizio che rende questo posto unico nel suo genere? Senza dubbio la possibilità di far arrivare qui i propri pacchi. Tutti ormai fanno ordini su internet e la consegna può essere un problema considerando i ritmi frenetici della vita di tutti i giorni. Ma in Via Troilo la porta è sempre aperta, fino a tarda sera. Ci sono molte altre piccole attività che possono rendere davvero migliore la vita delle persone del quartiere: avere qualcuno a cui lasciare il doppione delle chiavi di casa o affidare per qualche minuto il cane. Quello che hanno creato queste tre amiche è qualcosa di unico, ma per Francesca è la normalità: In una grande città come Milano quello che facciamo può sembrare straordinario, ma non dovrebbe essere così. Quello che facciamo mi sembra normale e penso che dovrebbe esserlo per tutti”. Qualcuno un po’ più pratico potrebbe pensare: ma gli introiti? L’attività del bar è quello che si può considerare il lavoro vero e proprio, nel senso più canonico del termine, i servizi extra offerti dalla Portineria 14 sono un’attenzione verso il prossimo. Più che di un bar quindi stiamo parlando di una guardiola con vista sulla strada, dove è possibile addirittura farsi consegnare la spesa.

Quello lo facciamo con il bar, pieno dalla tarda mattinata alle ore piccole, e frequentato da studenti, anziani, famiglie. Cocktail a partire da 7 euro, un pasto fra 8 e 13. Usiamo solo ingredienti naturali e selezionati. A chi mangia da noi, offriamo il caffè e un dolcetto. Il Wi-Fi è gratis per tutti. C’è sempre qualcuno con cui fare due chiacchiere- conclude Francesca.

Il decalogo dei servizi è in vetrina

E se il bar sotto casa diventasse la tua portineria? L'idea di tre amiche milanesi Come specificano le proprietarie tutti i servizi offerti da Portineria 14 sono gratuiti: il presupposto è la fiducia reciproca, fondamentale per mantenere in vita una simile attività. Il modello è quello della social street: nel locale c’è un angolo con tante caselle, proprio come quelle che si trovano in una classica guardiola, che vengono utilizzate per lasciare in custodia chiavi, libri e altri piccoli oggetti. Con il passare del tempo si è venuto a creare anche un piccolo elenco di artigiani, elettricisti, idraulici, muratori, per venire incontro a chi ne ha bisogno. Lo scopo di tutto questo? Riportare sul livello di interazione umana e sociale tutte quelle abitudini e attività che il Web ha inglobato negli ultimi anni: la velocità a scapito del contatto. In cambio le tre ragazze chiedono solo di sviluppare il senso civico mantenendo pulito l’ingresso del locale e curando il verde della zona. Sulla vetrina del bar-portineria si trova inoltre il decalogo dei servizi offerti: basta un’occhiata per sentirsi a casa.

Un’idea parigina ma in stile nostrano

Con il passare del tempo Portineria 14 è diventata un punto di riferimento per tutte le persone del quartiere ma non solo per quelle della generazione social: gli anziani della zona hanno apprezzato l’iniziativa forse di più dei così detti nativi digitali. Vissuti in un tempo in cui tutto era relazione e interazione, sono anche quelli che rimpiangono di più quell’epoca in cui scendevi al bar a fare due chiacchere con persone che conoscevi da una vita. L’idea è nata da un locale di Parigi, il Lulù dans ma rue: un chiosco simile a un’edicola, a pochi metri da Place Des Vosges. Charles-Edouard Vincent, insegnante di economia sociale alla HEC, ha pensato di installare questa piccola struttura che fosse un punto di riferimento per i parigini in cerca di aiuto per i motivi più disparati. Lo scopo, proprio come Portineria 14, è quello di ridare umanità alla vita di tutti i giorni. Non ci resta che sperare che presto in tutte le zone delle grandi città ci siano le nostre portinerie di quartiere. Leggi anche: Quelli della Generazione Z? Hanno la stoffa per innovare e fare impresa   di Martina Mugnaini  

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Reddito di cittadinanza, ecco cosa cambierà

La misura anti-povertà, bandiera del Movimento 5 Stelle, ha bisogno di essere incatenata al mercato del lavoro. Il premier Conte pensa a “un network per offrire un processo di formazione e riqualificazione dei lavoratori”.

Antonio De Marco ammette: “Li ho uccisi perché erano troppo felici”

"Erano troppo felici". La voglia di vivere e la gioia di pianificare...

Inps, dal primo ottobre si passa a SPID. Cos’è e come richiederlo

SPID è il Sistema Pubblico di identità digitale, un account unico che permette l’accesso a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione italiana.

Omicidio Lecce, perché Antonio De Marco ha ucciso Daniele e Eleonora?

Il modo in cui ha commesso il duplice omicidio di Lecce, Antonio...

Omicidio Lecce, Antonio De Marco confessa: “Sono stato io ad uccidere Daniele e Eleonora”

Lecce esce da un incubo. Così ha dichiarato il procuratore di lecce...