lunedì, Settembre 26, 2022

Casa smart: i dispositivi che trasformeranno la casa del futuro

Negli ultimi anni è cresciuto l'interesse per i dispositivi intelligenti, in quanto le persone sono sempre più connesse e pronte a sperimentare l'innovazione anche in casa.

Secondo uno studio condotto dall’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, nel 2021 il mercato delle smart home è cresciuto del 29% rispetto al 2020, con 650 milioni di euro investiti nell’acquisto di prodotti intelligenti. I più acquistati sono gli elettrodomestici smart, gli smart speaker e gli impianti per la sicurezza domestica. La casa smart rappresenta quindi la casa del futuro, anche perché sono cambiate le abitudini quotidiane. Come indicato nelle varie guide, negli approfondimenti dei magazine online e dei progetti “smart” come quello presentata nella pagina https://bassettihomeinnovation.it/casa-smart/, le case sono sempre più multifunzionali e l’arredamento, gli impianti e gli spazi sono progettati per essere flessibili e per adattarsi alle nuove necessità. Tra i dispositivi smart maggiormente presenti in casa ci sono le TV (72%), gli assistenti vocali (29%), le stampanti e le lampadine intelligenti (20%). In questo approfondimento vedremo quali sono i dispositivi più comuni e come possono integrarsi con le abitudini di ognuno, per migliorare la qualità della vita e ridurre consumi e sprechi.


Arredi e spazi multifunzionali


Una casa smart è tale anche nella scelta degli arredi e nella disposizione degli spazi. Si caratterizza infatti per la scelta di mobili multifunzionali dalle linee minimal. L’obiettivo è quello di riuscire a trasformare ogni angolo in poco tempo a seconda dell’attività che si deve svolgere. Ampio spazio dunque a librerie divisorie che si trasformano con facilità in zone dedicate allo studio o al lavoro, con scrivanie estraibili, cassetti multifunzione e illuminazione a scomparsa con faretti led.

Le sedie sono pensate sia per essere utilizzate nei momenti dedicati al relax, mentre si legge o si guarda la tv, sia per sostenere la schiena in maniera corretta quando si lavora. Gli spazi sono organizzati in base alle abitudini di chi li vive ogni giorno. Prevale la ricerca della luce naturale nella zona giorno, con ampie finestre dai tendaggi leggeri e per la zona notte si predilige un impianto luci che si adatta alle diverse esigenze, si controlla a distanza oppure si programma in maniera automatizzata con accensione e spegnimento programmati e con la gestione dell’intensità della luce.


Elettrodomestici smart


Gli elettrodomestici smart rappresentano i dispositivi più ricercati, perché hanno due importanti vantaggi: permettono di controllare in maniera automatica programmi di lavaggio per lavatrici e lavastoviglie, livelli di cottura per forni e piani cottura, temperature per i climatizzatori, evitando così sprechi energetici in modo da risparmiare sulla bolletta. Quest’ultimo rappresenta oggi più che mai un aspetto fondamentale, visti i rincari dei costi dell’energia degli ultimi mesi, solo in parte calmierati dall’intervento del governo con il decreto aiuti.


Impianti di domotica


A suggellare una gestione oculata e automatizzata degli ambienti e dei dispositivi, ci sono poi gli impianti di domotica, che sono dei veri e propri sistemi di controllo dei diversi impianti della casa. Si può ad esempio controllare l’illuminazione, evitando il rischio di luci accese quando non si è in casa, l’impianto di climatizzazione, mantenendo una temperatura ideale, senza sprechi e senza rischi per la salute. E in più si possono automatizzare anche chiusure e aperture di infissi e serramenti, evitando di lasciarli aperti per errore, aumentando il generale livello di sicurezza dell’abitazione.


Per quest’ultimo aspetto ci sono anche i sistemi antifurto smart, che si collegano direttamente alla rete wi-fi di casa e possono essere gestiti a distanza grazie ad un’apposita app. In questo modo, se non si è in casa, si possono tenere sotto controllo tutti gli ingressi, in modo da intervenire in maniera tempestiva in caso di un’eventuale effrazione.

Ultime notizie