giovedì, Gennaio 28, 2021

Calzedonia si converte, produrrà camici e mascherine

Le aziende in alcuni casi possono adeguarsi all’emergenza sanitaria. Il Gruppo Calzedonia destinerà alcuni suoi stabilimenti alla produzione di mascherine e camici, un gesto concreto e immediato per rispondere alla richiesta da parte delle istituzioni. La scelta è spettata a Sandro Veronesi, presidente del gruppo.

Calzedonia chiuse in anticipo i punti vendita nelle zone rosse

In anticipo rispetto ai decreti del governo, il presidente aveva già provveduto a chiudere sin da subito i punti vendita delle zone rosse per garantire la sicurezza dei propri dipendenti e clienti e successivamente quelli di tutta Italia. Gli stabilimenti riconvertiti alla produzione di mascherine e camici saranno quelli di Avio, in provincia di Trento, e di Gissi, in provincia di Chieti, per quanto riguarda il territorio italiano, più gli stabilimenti croati di proprietà del Gruppo. Per la fase iniziale è prevista la produzione di 10.000 mascherine al giorno: ieri le prime sono state donate all’ospedale di Verona e al comune di Verona. Leggi anche: Coronavirus, l’aiuto degli psicologi italiani: “Anche non far niente è utile a qualcosa”

Ultime notizie

I 5 skyline più belli e spettacolari (a prova di like) del 2021

Quali saranno le città da visitare nel 2021 con i skyscanner più belli al mondo? Ogni meta ha un panorama e ogni destinazione ha un luogo unico dove poter ammirare il tramonto.

Crisi di Governo, oggi le prime consultazioni. E in Senato nasce il gruppo Europeisti

Crisi di Governo aperta dopo le dimissioni del premier Conte. Oggi inizieranno le consultazioni al Colle, nel frattempo in Senato è nato un nuovo gruppo di Europeisti pro Conte ter.

Bonus studenti universitari, INPS apre il bando per borse di studio fino a 2000 euro

L'INPS interviene a supporto degli studenti universitari con borse di studio per corsi di laurea e di specializzazione post lauream. Bonus fino a 2000 euro.

Cani anti-Covid, fiutano il virus prima (e meglio) dei tamponi: ecco come

I cani anti-Covid potrebbero essere una vera e propria svolta nella lotta...

Edith Bruck sul valore della memoria: “Dopo di noi non faranno altro che cancellare”

Edith Bruck teme l'oblio del passato così come l'avvenire nel futuro. Ne 'Il pane perduto' si concretizza il suo dovere morale, quello di ricordare e testimoniare.