Caldo africano in arrivo, picchi fino a 42 gradi: sarà la peggior ondata del secolo

Il caldo africano in arrivo porterà le temperature 10 gradi sopra la media, e durerà una decina di giorni a partire da domani. Vediamo perché le temperature saranno così alte.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.
spot_img

Sta per terminare l’effetto refrigerante dell’anticiclone delle Azzorre ed è in arrivo il caldo africano. L’ondata di calore, che porterà le temperature oltre 40 gradi, sarà la peggiore dell’estate 2022 e del secolo, e non ci abbandonerà per i prossimi 10 giorni.

Ci attendono giorni e notti tremende con picchi anche di 42-43 gradi. Lorenzo Tedici, meteorologo del sito ilMeteo.it, ha spiegato come questa nuova fase calda nasca ancora dall’Algeria e spingerà le correnti calde fin verso le Isole Britanniche. Se la traiettoria seguirà quanto previsto, a Londra sono attesi 35-37 gradi. Anche Spagna e Portogallo hanno raggiunto le cifre algerine e presto il picco toccherà anche alla Francia.

Caldo Africano: il parere del meteorologo

caldo africano_

Lorenzo Tedici ha spiegato la situazione che si verrà a creare nei prossimi giorni a causa della bolla rovente che avvolgerà la Normandia, espandendosi verso la Germania e poi sulle regioni alpine e sul nostro settentrione:

Prepariamoci per il nuovo anticiclone africano, già prepotente sulla Penisola Iberica sono già stati raggiunti in modo diffuso i 42 gradi nelle zone interne ad est di Lisbona e su parte della Spagna, in Andalusia ed Estremadura, con valori in rapido aumento.

Un modello meteorologico abbastanza attendibile prevede per martedì 19 luglio un dato incredibile sulla pianura padana: 10 gradi sopra la media. Il che vorrebbe dire registrarne più di 42 gradi: come volare da Torino o da Milano direttamente nel Sahara senza bisogno di un biglietto aereo.

Caldo africano: quando ci sarà il picco e perché è previsto


Da domani, giovedì 14 luglio, la temperatura in Italia inizierà a salire, con il caldo africano record che dovrebbe arrivare da domenica e rimanere per almeno 5 giorni, con un picco previsto tra martedì 19 e mercoledì 20 luglio. In Pianura Padana si dovrebbero toccare i 42 gradi all’ombra, 10 gradi sopra la media, e nelle principali città, come Milano, Roma, Bologna, Firenze, le temperature supereranno i 40 gradi già da venerdì 15.

Non si prevedono piogge e anche il mare sarà molto caldo, con valori fino a 28 gradi, tipici dei Caraibi, tali da non permettere alle temperature di scendere durante la notte e che influiranno in particolare nelle zone interne, dove i terreni, privati dell’umidità, anziché assorbire il calore lo intensificheranno.

A questo si aggiunge l’assenza di neve sulle montagne, facendo venir meno l’effetto albedo che avrebbe portato quanto meno a un abbassamento della temperatura, rimandando indietro i raggi e trattenendo meno calore.

I meteorologi hanno potuto prevedere il caldo africano in arrivo nei prossimi giorni grazie alle mappe elaborate dall’Ecmwf, il Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, con sede nel Regno Unito.

Leggi anche: Consegna il pacco e perde la vita: corriere 24enne vittima di un colpo di calore

spot_img

Correlati

Kate Middleton, la salute che migliora, le parole di William e le ultime notizie da Palazzo

Come sta Kate Middleton? Qualche giorno fa il "Daily Mail" ha reso noto che...

Arriva il nuovo anticiclone africano Scipione: “Temperature fino a 40 gradi”

Sta per arrivare in tutta Italia il primo anticiclone africano soprannominato Scipione. A dirlo...

Non faremo più la fila grazie al decreto liste d’attesa: cos’è e come funziona

Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge e il disegno di legge...
Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Intuitiva, con un occhio attento alla realtà e alla sua evoluzione, attraverso una lente di irrinunciabile positività. Vede sempre nella difficoltà un’occasione preziosa per migliorarsi da cogliere con entusiasmo.
spot_img