giovedì, Dicembre 2, 2021

Bimbo ucciso a Città della Pieve, convalidato fermo della madre. Il padre: “Poteva essere fermata”

Questa mattina il gip di Perugia ha disposto che la madre del bimbo di due anni, ucciso a Città della Pieve, rimanga in carcere per l'omicidio del figlio.

Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

É ancora nel carcere di Capanne Erzsebet Katalin Bradacs, la madre di Alex, il bimbo ucciso con nove coltellate a Po’ Bandino, frazione di Città della Pieve. La donna, 44enne ungherese senza fissa dimora, è accusata di omicidio volontario aggravato di suo figlio.

Questa mattina l’udienza davanti al gip di Perugia ha convalidato la sua detenzione.

Bimbo ucciso, il padre: “La madre non era adatta”

bimbo ucciso

Norbert Juhasz, il padre del bimbo ucciso di due anni, attualmente si trova in Ungheria. Ha rilasciato tre interviste a Messaggero Umbria, Nazione Umbria e Corriere dell’Umbria. Ecco cosa ha detto riguardo alla madre di suo figlio:

Ha rapito il mio Alex il giorno in cui avrebbe dovuto consegnarmelo perché il tribunale lo aveva affidato a me, è scappata in Italia e lo ha ucciso e poi ha confessato di averlo ammazzato in un messaggio a un amico.

La madre aveva anche minacciato di dare fuoco al bambino e nonostante ciò non hanno fatto nulla. Tutti vedevano come non fosse assolutamente adatta a crescere un figlio ma non le è stato tolto.

Bimbo ucciso: la dinamica dell’evento

La donna avrebbe riversato sul nastro trasportatore della cassa del supermercato Lidl di Pò Bandino, il figlio, chiedendo aiuto. Una volta arrivati i sanitari del 118 hanno provato a rianimarlo ma inutilmente e hanno dedotto che fosse morto già da un po’.

Ha raccontato alla PM Manuela Comodi, subito dopo il fermo, ai Carabinieri e al nucleo investigativo di Città della Pieve, di essere il lite giudiziaria con il padre di suo figlio per via dell’affidamento.

Da subito si sarebbe dichiarata innocente, pur con versioni confuse e contrastanti: che il figlio era caduto, che era stato ucciso mentre lei dormiva, di averlo trovato così tra le sterpi di un casolare abbandonato.

Leggi anche: Città della Pieve, trovato morto bambino di 2 anni: si indaga per omicidio, fermata la madre

Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie