Benedetta Mughetti non vuole regali di laurea: “Dono tutto alla ricerca che ha guarito mio padre dal linfoma”

Benedetta Mughetti rinuncia ai regali di laurea: "Ho voluto fare una donazione ai medici che hanno curato mio padre dal linfoma, spero di poter aiutare altri pazienti come lui".

Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img

Benedetta Mughetti è una 26enne cesenate appena neolaureata in Conservazione dei beni culturali. La giovane, però, ha fatto una richiesta particolare: non ha voluto nessun regalo di laurea, ma ha raccolto i fondi tra amici e parenti e li ha donati all’ospedale Sant’Orsola di Bologna al padiglione Seragnoli.

Ma per quale motivo? Suo padre Gianluca, 61enne, tecnico di radiologia a Rimini, ha sconfitto un anno fa un linfoma, battaglia che aveva già combattuto 12 anni fa e Benedetta Mughetti ha tenuto a ringraziare il reparto che ha curato suo papà, come riporta “Il Resto Del Carlino”: “Cosa chiedere in regalo per la mia festa di laurea, considerato che abbiamo di tutto e che c’è una vicenda che mi ha fatto tremare il cuore e ha innescato in me il desiderio di ringraziare concretamente una struttura sanitaria che si applica quotidianamente contro i tumori oncoematologici?”.

Benedetta Mughetti e la donazione per la ricerca

Benedetta Mughetti può festeggiare la sua laurea in Conservazione dei beni culturali accanto a suo papà Gianluca. Lo scorso anno la 26enne ha avuto una grande paura di perdere il suo genitore: Tumore è una parola che spaventa anche solo a pronunciarla e quando le persone a noi vicine si ammalano è come se ci ammalassimo un po’ anche noi. In questo frangente si comprende quanta paura susciti il timore di perdere qualcuno a cui si tiene più della propria vita. Io stessa l’ho provato e quella paura smuove in te ogni singola cellula del cuore”.

Gianluca Mughetti ora è guarito e Benedetta non ha esitato nemmeno un attimo a rifiutare il regalo di laurea a favore di una donazione per la ricerca:Vorrei far sì che attraverso le donazioni la paura non esista più e, soprattutto, che le malattie del sangue vengano sconfitte“.

Secondo la giovane neolaureata il padiglione Seragnoli dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna riesce a salvare molte vite umane: “Per tutte le cure e le attenzioni che hanno riservato a mio padre ringrazio, dunque, tutto il reparto Seragnoli, il professor Pier Luigi Zinzani, il loro aiuto cambia la vita delle persone e rende possibili la vita e la cura”.

Qual è l’obiettivo di Benedetta Mughetti per il futuro?

Benedetta Mughetti, la cui idea è stata accolta molto favorevolmente sia da amici sia da parenti, spiega a “Il Resto del Carlino” cosa si auspica per il futuro: “Tutti sono stati molto generosi, ma non è la cifra raccolta l’aspetto più importante di questa condivisione. Con la donazione, effettuata attraverso l’AIL, ossia l’Associazione linfomi e leucemie di Bologna, spero di contribuire pur in minima parte, alla ricerca e alla cura ma, soprattutto vorrei indicare ad altri questa possibilità”.

La giovane neolaureata spera che molti possano seguire il suo esempio, donando per la ricerca che si occupa di trovare nuove cure ai tumori, i cui fondi sono in grado di aiutare i medici e i pazienti nei reparti ospedalieri di tutta Italia.

Leggi anche: La 26enne Giulia Poli festeggia due traguardi: la laurea magistrale e la guarigione dalla leucemia

spot_img

Correlati

Io sono innocente, il libro di Beniamino Zuncheddu: “Dopo 33 anni sono libero”

Esce oggi in libreria il libro scritto a quattro mani da Beniamino Zuncheddu e...

Chi è Asia, la 14enne malata di cancro bullizzata dal web e poi coccolata da Mattarella

Sergio Mattarella scrive ad Asia, la ragazzina bullizzata dal web a causa della sua...

Giada Pellizzari, da direttore di banca a travel designer: “Mollo tutto e vi racconto NY”

La storia di Giada Pellizzari è un esempio di come sia possibile reinventarsi pur...
Ilaria De Santis
Ilaria De Santis
Classe 1998. Esperta in Editoria e scrittura, è molto attenta ai dettagli, scrive poesie e canzoni ed è appassionata di musica, serie TV e sceneggiatura. “In tristitia hilaris, in hilaritate tristis”.
spot_img