mercoledì, Settembre 28, 2022

Apple e il programma in borsa per il 2023: c’è tanta prudenza

Tutto quello che c'è da sapere per chi vuole investire.

Come si poteva facilmente intuire, il colosso di Cupertino ha messo in atto una tattica decisamente cauta e prudente per quanto riguarda il prossimo anno. Ebbene, tale mossa non fa altro che riverberarsi sull’intero comparto tech che è quotato nelle borse del Vecchio Continente. Una situazione che va tenuta d’occhio con la massima attenzione da parte di coloro che sono soliti investire con una piattaforma affidabile e sicura come Plus500.


I settori più penalizzati


La mossa di Apple ha portato il sottoindice Stoxx600 a perdere più di un punto percentuale e, in compagnia del settore viaggi, il comparto tecnologico è senz’altro uno di quelli che sta risentendo di più il calo delle vendite. D’altro canto, sono davvero numerosi i titoli che hanno fatto registrare dei cali di una certa importanza, come nel caso di Asml, Be Semiconductor, Infineon Technologies e Stmicroelectronics.


A Wall Street il marchio di Cupertino ha lasciato per strada la bellezza del 3.2%, in seguito alla comunicazione di Bloomberg circa la necessità di sviluppare dei nuovi piani per poter limitare le assunzioni e anche la spesa di varie divisioni nel corso del prossimo anno. Tutte scelte motivate con la necessità di affrontare una nuova brusca frenata dell’economia a livello mondiale.


In base alle ultime indiscrezioni, pare che il colosso di Cupertino abbia deciso di rimettere mano al proprio budget per il prossimo anno, rivedendolo in ribasso rispetto a quanto previsto inizialmente per quanto riguarda alcune divisioni, che si occupano di attività di progettazione e sviluppo, ma anche alla divisione che si occupa delle assunzioni.


Non solo, visto che per alcune divisioni Apple ha preso la decisione di non aumentare il numero dei dipendenti. Stando a quanto è stato riferito da parte di Bloomberg, pare che i nuovi pianti che avrebbe in mente Apple non dovrebbero in alcun modo condizionare tutte le novità che sono particolarmente attese per il prossimo anno. Insomma, i dispositivi di nuova generazione dovrebbero comunque arrivare, e non dovrebbe incappare nella medesima situazione che ha visto protagonisti anche big del settore.


La preoccupazione che la decisione del marchio di Cupertino poi possa rivalersi in un altro modo ben preciso, ovvero il fatto di effettuare delle commesse in quantità inferiore rispetto alle previsioni nei confronti dei suoi fornitori, è chiaramente il motivo che sta alla base della grande fatica che stanno facendo in Borsa un po’ tutti i titoli che fanno parte del comparto.


Non solo, dal momento che sembra che lo scenario sia senz’altro reso più complicato anche dalla perdita di oltre quattro punti percentuali fatta registrare in After Hours da parte di Ibm in seguito alla trimestrale. Il ben noto gruppo che opera nel comparto dell’informatica è stato in grado di raggiungere una serie di risultati tendenzialmente superiori rispetto alle prime previsioni. Infatti, è stato registrare un aumento dei ricavi che si aggira intorno al 9%, toccando quota 15.5 miliardi di euro nel corso del secondo trimestre. Al tempo stesso, ha messo in evidenza come il dollaro forte inevitabilmente si andrà a riflettere non certo in modo positivo sugli utili.


Intanto Apple pensa alla modalità isolamento sui suoi iPhone

Nell’attesa di capire quali saranno gli scenari dei prossimi mesi in Borsa, ecco la nuova mossa di Apple. Si tratta della presentazione, in anteprima, di due nuove funzionalità che sono interamente dedicate alla sicurezza e che mettono a disposizione delle protezioni ulteriori a tutti coloro che potrebbero finire nel mirino di qualche cyberattacco di una serie di aziende private che si occupa di realizzare degli spyware dietro la commissione da parte di alcuni poteri forti degli Stati. In fondo, si tratta di vere e proprie modalità di isolamento.

Ultime notizie